5 consigli per usare il condizionatore senza sprechi e risparmiare

Il condizionatore è un grande alleato, ma consuma molto se usato nel modo sbagliato. Ecco 5 consigli semplici per risparmiare in bolletta!
Di Irene Bicchielli 12 luglio 2021
condizionatore consigli per usarlo senza sprechi

Il condizionatore è un grande alleato in estate perché permette di raffrescare casa e ufficio e di vivere molto più serenamente le giornate più torride e afose! Il problema comincia quando arriva la bolletta dell’elettricità: il climatizzatore è infatti un elettrodomestico molto dispendioso dal punto di vista energetico e anche i modelli più innovativi ed ecologici non sempre riescono ad evitare un conto salato alla fine del mese.

Per fortuna, ci sono diversi modi per ridurre i consumi e aumentare il risparmio energetico, con un vantaggio sia per il portafoglio che per l’ambiente: in questo articolo ve ne suggeriamo cinque che potete adottare fin da subito, sia in casa che in ufficio.

1. Scegliere una buona classe energetica

Come per qualsiasi altro elettrodomestico, il primo passo per risparmiare con il condizionatore si fa al momento dell’acquisto. Grazie alle novità europee in fatto di classificazione energetica, tutti i marchi si stanno impegnando per offrire prodotti sempre più all’avanguardia dal punto di vista dell’efficienza quindi non sarà difficile trovare un condizionatore in classe C, B oppure A (attualmente sono le classi migliori). Inoltre, non dimenticate di controllare l’indice di efficienza SEER: più è alto, migliore è l’utilizzo dell’energia da parte dell’apparecchio in modalità raffrescamento.

etichetta-energetica-condizionatori

Etichetta energetica condizionatori -Credits: Olimpia Splendid

Anche se al momento dell’acquisto, i condizionatori in classe A avranno un costo maggiore, l’investimento sarà ampiamente ammortizzato con i costi più bassi in bolletta.

2. Installare il condizionatore in alto

Al momento dell’installazione, è importante scegliere il posto giusto dove sistemare il condizionatore: in pochi lo sanno ma la posizione giusta può garantire una migliore resa e minori costi di gestione, oltre a offrire un miglior comfort e benessere in casa. Bisognerebbe installare il condizionatore più in alto possibile perché in questo modo l’aria fredda si mescola meglio con quella calda. Ovviamente, non ci devono essere ostacoli davanti al condizionatore che ne ridurrebbe drasticamente l’efficienza.

il condizionatore va posizionato in alto

Il condizionatore va posizionato in alto

L’unità esterna del condizionatore invece andrebbe sistemata in una posizione che sia il più possibile ombreggiata e in una situazione dove viene assicurato il ricircolo e lo scambio d’aria. Sistemare il motore in una spazio angusto per motivi estetici non avrebbe senso perché porterebbe ad una perdita di efficienza e in maggiori consumi.

3. Impostare la temperatura corretta

In tanti accendono il condizionatore alla massima potenza per arrivare a temperature molto basse (talvolta così basse da causare anche qualche malanno!). In realtà sarebbe corretto impostare la temperatura interna della casa a circa 5-8 gradi in meno rispetto alla temperatura esterna: in questo modo si starà bene senza far salire i consumi alle stelle e senza prendersi un raffreddore. Quindi, se fuori ci sono 32 gradi è più che sufficiente impostare la temperatura a 26-27 gradi per stare al fresco.

condizionatore temperatura corretta

Impostare la temperatura corretta

Inoltre, uno dei problemi dell’estate non è tanto il caldo quanto l’umidità, che causa il fenomeno dell’afa e aumenta la percezione del calore. Tutti i moderni condizionatori sono dotati anche della funzione deumidificatore quindi in alcuni casi potrebbe essere sufficiente scegliere questa modalità senza andare alla ricerca di temperature polari! Si tratta di una funzionalità utile soprattutto di notte.

4. Adottare buone abitudini quotidiane

Uno dei motivi per cui viene dispersa e sprecata un sacco di energia, sono proprio le nostre abitudini. Ci sono alcuni comportamenti che causano un aumento del dispendio energetico senza apportare alcun beneficio e che quindi andrebbero modificati. Ecco alcuni esempi.

Grazie alle nuove tecnologie e ai condizionatori dotati di connessione WiFi potete controllare le prestazioni del vostro elettrodomestico anche a distanza, programmare l’accensione e lo spegnimento e tenere sotto controllo se ci sono eventuali sprechi.

5. Effettuare manutenzione regolare

La manutenzione regolare dei condizionatori, come di qualsiasi elettrodomestico, permette di mantenerli efficienti. Se i filtri sono sporchi, intasati di polvere, muffe e acari, il vostro apparecchio dovrà lavorare molto di più per raggiungere la temperatura desiderata. Senza contare che la presenza di acari e umidità potrebbero dare vita a colonie di batteri pericolose anche per la salute.

manutenzione condizionatore

La manutenzione del condizionatore

Non esiste una regola uguale per tutti i condizionatori però alla fine o all’inizio di ogni stagione estiva sarebbe consigliabile fare un controllo per capire se è necessario cambiarli oppure ripulirli. Inoltre, sarebbe bene controllare anche il gas e le tubazioni, ma per questo intervento è necessario rivolgersi ad un tecnico specializzato.

Irene Bicchielli
Irene Bicchielli

Nata nel 1988 a Firenze, dove vive ancora oggi, ha da sempre uno smisurato amore per le parole. Ha imparato a leggere e a scrivere prima delle scuole elementari e da allora non ha più smesso: lettrice seriale con un'originale passione per i romanzi storici, ha frequentato il liceo classico e poi si è laureata in Scienze Politiche per diventare...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti