Il motore di ricerca per i tuoi acquisti
Menu

I migliori deumidificatori per affrontare la stagione invernale

I deumidificatori sono utilissimi per migliorare la qualità dell'aria in casa, soprattutto in inverno. Ecco i migliori modelli tra cui scegliere.
Di Irene Bicchielli Aggiornato il 18 gennaio 2022
i migliori umidificatori

Il deumidificatore è un elettrodomestico molto utile per migliorare la qualità dell’aria in casa. Compatti ed economici, sono degli apparecchi in grado di eliminare o ridurre l’umidità in eccesso negli ambienti domestici: un livello di umidità eccessivo, infatti, non solo provoca muffe, condense e scollamento della carta da parati, ma può avere anche conseguenze sulla salute, causando tosse, mal di gola, reumatismi e altri fastidiosi disturbi.

In questo articolo approfondiamo l’argomento deumidificatore e rispondiamo ad alcune frequenti domande, dandovi qualche consiglio sui migliori modelli in circolazione.

Qual è la funzione del deumidificatore?

Il suo compito è quello di abbassare i livelli di umidità e rendere l’aria più secca. L’umidità, infatti, influenza la nostra percezione del caldo e del freddo: in inverno, in particolare, se alle basse temperature si aggiunge un elevato tasso di umidità, il freddo verrà percepito in modo più intenso. Questo succede a causa della conduzione termica, un fenomeno fisico per cui quanto più umida è l’aria che ci circonda e tanto più calore viene sottratto al nostro corpo. Avere un deumidificatore in casa può aiutare proprio ad attenuare questa sensazione, facendoci sentire meno freddo, e allo stesso tempo a rendere l’aria più salubre e vivibile.

Questi apparecchi sono infatti spesso dotati di un filtro per la purificazione dell’aria: filtrare l’aria degli ambienti domestici significa eliminare polvere e allergeni e allo stesso tempo minimizzare il rischio della comparsa di muffe, che in ambienti umidi proliferano meglio.

Come e quando usare il deumidificatore?

Come regola generale, il deumidificatore andrebbe utilizzato quando si supera il 60% di umidità nell’aria. Questo valore si può rilevare attraverso strumenti appositi, ma ci sono anche alcuni segnali che possono farci capire che la nostra casa è troppo umida: un classico esempio sono le macchie che compaiono sui muri negli angoli più soggetti all’umidità, la muffa che si crea sui muri o magari lo scollamento della carta da parati. Inoltre, sentire l’aria pesante e avere difficoltà ad asciugare il bucato (i vestiti rimangono sempre umidi) sono altri segnali che indicano che è il momento di deumidificare l’aria di casa.

Utilizzare il deumidificatore è semplicissimo: dovrete semplicemente azionarlo e ricordarvi di svuotare la tanica quando si riempie di acqua. Appena acquistato, tenete acceso il deumidificatore per almeno 24 ore consecutive, in modo da rendere realmente asciutto l’ambiente ed eliminare l’accumulo di umidità. Successivamente, saranno sufficienti 3-4 ore di utilizzo quotidiano per mantenere l’aria sufficientemente secca e salubre: considerate che si tratta di un elettrodomestico che consuma energia elettrica quindi tenerlo acceso per molte ore non sarebbe solo inutile ma anche molto dispendioso!

Dove si deve posizionare il deumidificatore?

I deumidificatori sono apparecchi portatili, quindi potete sistemarli proprio dove ne avete necessità e portarli da una stanza all’altra senza difficoltà. La soluzione ottimale sarebbe posizionarlo al centro della stanza, in modo da raggiungere al meglio l’aria di tutto l’ambiente e non solo di una zona limitata. Quando questo non è possibile per motivi di spazio o di ingombro, assicuratevi comunque che sia lontano da fonti di polvere (la polvere sarebbe infatti aspirata insieme all’aria e potrebbe intasare il meccanismo) e non troppo vicino al muro, altrimenti l’aria non circolerebbe bene e l’apparecchio potrebbe surriscaldarsi.

Ovviamente, per avere risultati migliori e minimizzare gli sprechi di energia, il deumidificatore va sistemato in una stanza chiusa.

Quali sono i migliori modelli di deumidificatore?

Ecco tre diversi deumidificatori di tre fasce di prezzo.

Argo Lilium Evo 11

Argo Lilium Evo 11

Argo Lilium Evo 11

Uno dei modelli più economici e più semplici da utilizzare è Argo Lilium Evo 11. Le dimensioni sono estremamente compatte quindi potete utilizzarlo anche in ambienti di piccole dimensioni senza avere problemi di ingombro. Tutto è facilmente gestibile tramite il display a LED e l’umidostato ad alta precisione consente di tenere sempre sotto controllo il livello di umidità nella stanza. Dotato di 4 diverse modalità di funzionamento, è in grado di deumidificare fino a 11 litri al giorno in ambienti ampi fino a 15 metri quadrati. La soluzione ideale per chi acquista per la prima volta questo elettrodomestico e non ha particolari esigenze.

Ariston DEOS 30

Ariston DEOS 30

Ariston DEOS 30

Il modello Ariston DEOS 30 è in grado di deumidificare ben 32 litri ogni 24 ore e ha una capacità di 3 litri, quindi non dovrete svuotare la tanica tanto spesso. Si tratta di un apparecchio che riesce senza problemi a deumidificare ambienti ampi fino a 73 metri quadrati quindi anche in un open space non avrete problemi. Una delle sue caratteristiche chiave è la sua silenziosità, che permette di usarlo anche di notte senza il minimo fastidio. Si può programmare accensione e spegnimento e sono disponibili diverse funzioni (anti-muffa, lavanderia, turbo e filter cleaning).

De Longhi DD230P

De Longhi DD230P

De Longhi DD230P

Il deumidificatore De Longhi DD230P ha un costo più elevato ma anche prestazioni migliori. La tanica dove si raccoglie l’acqua ha una capacità di 7 litri quindi non dovete preoccuparvi tanto spesso di svuotarla e la capacità di deumidificazione è di ben 30 litri ogni 24 ore. Questo significa che l’apparecchio riesce a deumidificare anche ambienti molto ampi. Grazie all’ampio display LCD, si può regolare l’umidità ambientale, monitorarla e gestire la temperatura in modo facile e veloce. E con il timer 24 ore è possibile anche programmare l’accensione e lo spegnimento del deumidificatore, per una gestione modo comoda.

Irene Bicchielli
Irene Bicchielli

Nata nel 1988 a Firenze, dove vive ancora oggi, ha da sempre uno smisurato amore per le parole. Ha imparato a leggere e a scrivere prima delle scuole elementari e da allora non ha più smesso: lettrice seriale con un'originale passione per i romanzi storici, ha frequentato il liceo classico e poi si è laureata in Scienze Politiche per diventare...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

Torna su