Tech 22 agosto 2019

Recensione Samsung Galaxy A80

Samsung Galaxy A80

Il Samsung Galaxy A80 è un ottimo smartphone, ma meno che perfetto. Al prezzo di listino è sicuramente troppo caro, ma considerando che lo si trova già a 460 euro circa, è un acquisto che vale la pena di prendere in considerazione. Probabilmente entro qualche settimana (scriviamo alla fine di agosto 2019) lo troverete intorno ai 400 euro, e allora sarà senz’altro un acquisto consigliabile.

Samsung Galaxy A80

Il dettaglio più caratterizzante è senza dubbio la tripla fotocamera rotante. In sostanza, invece di una fotocamera anteriore e una posteriore, c’è un solo modulo fotografico che ruota di 180 gradi per svolgere entrambe le funzioni.

Le conseguenze sono molteplici: non c’è il notch sullo schermo, ma è presente un evidente bordo superiore. E si ha sempre a disposizione una fotocamera di buona qualità, mentre di solito quella frontale è molto meno valida rispetto a quella posteriore. C’è inoltre un elemento meccanico, il cui movimento con il tempo potrebbe danneggiarsi.

Design

Voto: 7/10

La parte frontale del Galaxy A80 di Samsung è occupata interamente dallo schermo. Questo è possibile grazie all’adozione del meccanismo a rotazione per il modulo fotografico posteriore: basta azionarlo per vedere una sorta di slitta sollevarsi dal bordo superiore, con i tre sensori che ruotano descrivendo un angolo piatto.

Samsung Galaxy A80

Sembra un meccanismo solido e resistente, ma ovviamente è difficile fare affermazioni sulla durate nel tempo. Ci vuole un po’ più di tempo per fare un selfie, come accade con gli smartphone dotati di fotocamera pop-up – modelli come Xiaomi Mi 9T e OnePlus 7 Pro impongono altresì una leggera attesa rispetto a smartphone con una fotocamera anteriore “normale”.

Il Samsung Galaxy A80 pesa 220 grammi, che è davvero molto per uno smartphone; un difetto dovuto senza dubbio all’insolito design. Se non altro risulta solido e dà una grande sensazione di resistenza.

Lo schermo Super AMOLED è molto grande, con una diagonale da 6,7”. Di conseguenza è grande anche lo smartphone, che è praticamente impossibile da usare con una mano sola. Manca la certificazione di impermeabilità, così come il jack da 3,5 mm. Non c’è nemmeno lo slot microSD, ma con 128GB di memoria probabilmente non vi servirà.

Samsung Galaxy A80

Lo schermo è in formato 20:9 con risoluzione 1080×2400, quindi un formato davvero molto allungato. La visibilità all’esterno è eccellente, e il trattamento oleofobico è efficace nell’evitare che il telefono si sporchi con le impronte digitali. Non manca la modalità always-on, grazie a cui si potrà avere sempre visibile l’orologio, la carica della batteria e una sintesi delle notifiche.

Fotocamera

Voto: 8/10

La fotocamera (ricordiamo che ce n’è una sola) ha un sensore principale da 48 MP (f/2.0), un grandandgolo da 8 MP (f/2.2) e un sensore ToF per la profondità di campo. Si tratta quindi di una configurazione piuttosto versatile, ma manca il teleobiettivo.

La qualità è piuttosto buona di giorno, e la modalità notturna di Samsung è tutto sommato apprezzabile. La sfocatura dello sfondo è convincente.

Foto scattate con Samsung Galaxy A80 Foto scattate con Samsung Galaxy A80
Foto scattate con Samsung Galaxy A80 Foto scattate con Samsung Galaxy A80

Per qualche ragione misteriosa, quando la fotocamera ruota e inquadra frontalmente scompare la messa a fuoco automatica, in favore del fuoco fisso. Non si può più usare il flash, sostituito dallo schermo, e l’immagine viene ritagliata e degradata a 8 megapixel. Si può intervenire sulle impostazioni per correggere almeno alcuni di questi limiti, ma ci sembra comunque una scelta insensata.

Fortunatamente, nonostante tutto le fotografie frontali sono di alta qualità (dopo aver regolato le impostazioni) e da questo punto di vista il Samsung Galaxy A80 è tra i migliori smartphone in circolazione.

Prestazioni e autonomia

Voto: 7/10

Abbiamo detto che il processore è lo Snapdragon 730, lo stesso dello Xiaomi Mi 9T, con 8 GB di RAM. Ne risultato ottime prestazioni in ogni situazione, solo leggermente peggiori rispetto a quelle di un “vero” top di gamma.

Android 9 Pie è personalizzato con l’interfaccia OneUI 1.1 di Samsung, che si comporta davvero molto bene. Il sensore di impronte integrato nello schermo è meno che perfetto, e di tanto in tanto non riconosce l’impronta. Un difetto comunque a praticamente tutti gli smartphone di ultima generazione, con questo tipo di tecnologia.

Samsung Galaxy A80

L’audio in chiamata, similmente, potrebbe essere migliore. Per via della fotocamera rotante, infatti, non c’è la tradizionale capsula auricolare. Il suono è invece generato tramite le vibrazioni dello schermo, con un risultato che non è proprio l’ideale. Sentire l’altra persona a volte è difficile, soprattutto se ci si trova in ambienti più rumorosi del solito.

La batteria da 3.700 mAh non è molto grande, e infatti abbiamo ottenuto prestazioni solo nella media (a volte sotto). Circa 16 ore di utilizzo con tre ore di schermo acceso, che non è pochissimo ma niente per cui emozionarsi. In qualche occasione, potrebbe non bastare per la giornata intera.

Conclusioni

Voto: 7/10

PRO

CONTRO

Al prezzo attuale questo Samsung Galaxy A80 è ancora difficile da consigliare, soprattutto per via del fatto che allo stesso prezzo (480 euro circa nel momento in cui scriviamo) si trovano prodotti più interessanti, non ultimi il Samsung Galaxy S10e, lo Huawei P30 o lo Xiaomi Mi 9 (che costa addirittura meno di 400 euro).

Se al momento consigliare il Samsung Galaxy A80 è prematuro, dunque, vale la pena di tenere d’occhio questo smartphone, perché nei prossimi mesi il prezzo potrebbe scendere ancora e allora magari ne varrà la pena.

Valerio Porcu
Valerio Porcu

Classe 1976, ha studiato elettronica e letteratura, con una specializzazione in didattica delle lingue. Grazie all’unione della formazione tecnica con quella umanistica, ha sviluppato uno sguardo critico e attento, e la capacità di osservare con attenzione e distacco lo sviluppo tecnologico, sia per i grandi salti evolutivi sia per i piccoli oggetti di uso quotidiano. Uno sguardo maturo che sa...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

Asus ROG Delta Core
Tech 14 settembre 2019

Recensione Asus ROG Delta Core: cuffie da gaming dal prezzo competitivo

Il mondo delle cuffie da gaming ha visto negli ultimi anni una vera e propria invasione di modelli di ogni tipo, genere e costo. Proprio per questo potrebbe risultare difficile, almeno per

Samsung Galaxy Note 10
Tech 13 settembre 2019

Recensione Galaxy Note 10

Presentato alcune settimane fa, il Samsung Galaxy Note 10 è l’ultimo top di gamma Samsung, nonché l’erede del Samsung Galaxy Note 9. Questa volta ci sono due diversi modelli: il Galaxy Note

Xiaomi Mi 9T Pro
Tech 13 settembre 2019

Recensione Xiaomi Mi 9T Pro: ultimo arrivato della famiglia Mi 9

Xiaomi Mi 9T Pro è l’ultimo arrivato nella famiglia dei Mi 9 che consta ormai di un numero interminabile di dispositivi. Tutto è iniziato con il Mi 9 originale, di cui vi