Tech 10 giugno 2020

I ChromeBook arrivano in Italia: cosa sono?

Chromebook

La parola Chromebook raggruppa una serie di dispositivi che si posizionano a metà tra un ultrabook e un tablet. Si tratta perlopiù di notebook con diagonale compresa tra gli 11 e i 15 pollici pensati per l’uso in mobilità e con un hardware ben bilanciato che coniuga buona potenza ed elevata autonomia.

Il vero protagonista è però il sistema operativo Chrome OS, diverso dunque da Windows 10 che viene utilizzato nelle varianti Pro e Home nella maggior parte dei computer fissi e portatili e da MacOS che viene invece adoperato su computer di casa Apple come MacBook Pro e MacBook Air.

Chrome OS è stato progettato per essere estremamente intuitivo e pratico nell’uso di tutto i giorni. Per configurarlo sarà infatti sufficiente accedere con il proprio account Google e in pochi semplici passi si avrà a disposizione tutta la suite delle applicazioni del colosso di Mountain View.

I dispositivi Chrome OS si interfacciano poi in maniera molto semplice con tutti i dispositivi Android, come S20, Google Pixel 4 o OnePlus 8. La suite Google si basa infatti sul cloud e risulta così facile poter passare in pochi secondi dallo smartphone al ChromeBook e viceversa senza alcuna esitazione.

ChromeBook 714

Il ChromeBook 714 di Acer si posiziona nella fascia più alta del mercato.

Grazie alla leggerezza del sistema operativo, non è necessario un hardware estremamente potente per far si che tutto funzioni a meraviglia. I Chromebook adottano infatti processori Intel Celeron, Intel Pentium fino ad arrivare all’Intel i3-8130U per il più potente, coadiuvati da un minimo di 4 fino a un massimo di 16 GB di RAM e da veloci memorie eMMC in grado di assicurare velocità di caricamento ridotte e un buon risparmio energetico.

I ChromeBook vengono realizzati in collaborazione con Google da diverse aziende, ovvero Acer, Asus, Hé e Lenovo che propongono diversi modelli adatti a soddisfare diverse esigenze e con prezzi variabili da un minimo di 319 euro per l’Asus Chromebook C423, a un massimo di 699 euro per il potente Acer Chromebook 714 che può fare affidamento su un potente processore Intel Core i3, 8 GB di RAM e 64 GB di archiviazione interna, oltre che un bel display da 14 pollici con risoluzione FullHD, touch integrato e tecnologia IPS con un’ottima fedeltà cromatica.

Per il momento la gamma ChromeBook si divide in laptop e 2-in-1.

I laptop assomigliano in tutto e per tutto a un normale notebook di fascia media, con tastiera fisica, schermo orientabile, touchpad e a seconda del modello offrono prestazioni che vanno bene dalla semplice fruizione di contenuti e navigazione web, fino ad arrivare a compiti più onerosi come la modifica di file grafici o l’elaborazione video.

Chromebook C423

ChromeBook C423 è un dispositivo perfetto per chi cerca buone prestazioni e tanta compattezza.

Vale la pena citare l’Acer ChromeBook 514, pratico portatile disponibile sia con processore Intel Celeron che con il più potente Intel Pentium, con 64 o 128 GB di archiviazione interna e 4GB di RAM, un hardware perfetto per la normale operatività quotidiana che comprende navigazione web, creazione di documenti, gestione e-mail e tanto altro. Il display è un’unità con diagonale di 14 pollici e tecnologia IPS, in grado di restituire ottimi colori e buona visibilità sotto la luce del sole. Sono presenti due porte USB-C con standard USB 3.1 a cui si aggiungono due porte USB di tipo A e uno slot per schede micro-SD grazie al quale espandere l’archiviazione interna. Il peso di 1,4 kg con dimensioni di soli 32,3 x 23,2 x 1,7 centimetri rendono questo Chromebook la macchina ideale da avere sempre con sé, grazie anche a una batteria integrata che restituisce fino a 12 ore di uso medio con un prezzo di listino di soli 479,00 euro per la variante più potente.

Per il momento ci sono invece tre modelli 2-in-1, due di HP, ovvero i ChromeBook X360 12b e 14b con disponibilità prevista per il mese di luglio e il già disponibile Lenovo ChromeBook C340. Quest’ultimo è dotato di uno schermo da 11,6 pollici che può essere ruotato di 360 gradi con tecnologia IPS e dotato di touch screen. L’utente può dunque scegliere di utilizzare il piccolo portatile come un tradizionale laptop oppure come un tablet, a seconda delle esigenze.

Lenovo

Il Lenovo Chromebook C340-11 è un dispositivo 2-in-1 utilizzabile sia come notebook che come tablet.

Anche in questo caso non manca la connettività Wi-Fi Dual Band e il Bluetooth 4.2, oltra a un sistema di altoparlanti di buona qualità.

Dispositivi dunque molto versatili, pensati non solo per chi lavora e studia in mobilità, ma anche per chi cerca un portatile o un 2-in-1 semplice da usare e in grado di interfacciarsi con il proprio smartphone Android in pochi semplici passaggi.

Vittorio Pipia
Vittorio Pipia

Nato nel 1992 ho sempre avuto una grande passione per i motori e per la tecnologia, passioni che ho poi sempre coltivato fino a farle diventare parte del mio lavoro. Da circa 4 anni provo, analizzo diversi prodotti delle più svariate categorie, dall’intrattenimento audio-visivo fino agli elettrodomestici passando per la domotica. Analisi che condivido poi online in diversi modi, con...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

Acer Swift 5 2020
Tech 3 settembre 2020

Acer Swift 5 2020: ecco il nuovo modello con Intel Tiger Lake

Facendo seguito al recente annuncio con cui Intel ha reso ufficiali i nuovi processori Tiger Lake di undicesima generazione, Acer è tra i primi produttori di notebook ad ampliare il proprio catalogo,

notebook economici per casa
Tech 21 marzo 2020

I migliori notebook sotto i 500 euro per lavorare da casa

Lo smart working ormai è diventato una realtà concreta in Italia, anche per il particolare periodo storico che stiamo vivendo. L’hashtag #iorestoacasa sottolinea infatti una tendenza fortunatamente diffusa che vede le persone e

psotazione smart working economica
Tech 5 marzo 2020

Smart working: lavorare da casa con i prodotti tech al giusto prezzo

Lo smart working sta inevitabilmente aumentando in Italia, soprattutto recentemente a causa dell’emergenza Coronavirus, dato che in alcune zone sono sconsigliati i contati umani. Molte aziende stanno quindi sperimentando il lavoro da casa dei