Sport 3 aprile 2019

Abbigliamento e scarpe da basket: come scegliere il meglio?

basket scarpe

Se ami praticare il basket, anche solo la domenica pomeriggio con gli amici, se tuo figlio ha appena deciso di cominciare questo sport oppure se è la tua grande passione e ti ci dedichi a livello agonistico, qualunque sia il tuo caso, è bene pensare con cura a quello che si mette nella borsa da portare al campo. Per quanto riguarda l’abbigliamento, la scelta è piuttosto obbligata e anche semplice: generalmente si utilizza una canotta, ma anche una T-Shirt andrà benissimo se vi sentite più a vostro agio a maniche corte, e un paio di pantaloncini sopra o subito sotto il ginocchio, ampi e comodi; per realizzare abbigliamento sportivo, viene utilizzato un tessuto tecnico traspirante e ultra leggero, in modo da mantenerti sempre fresco e asciutto anche dopo una partita, assicurandoti dunque un comfort ideale. Oltre a canotta e pantaloncini, non dimenticare un paio di polsini, che ti manterranno asciutto dal sudore e ti consentiranno la massima libertà nei movimenti delle mani, e calzini specifici per giocare a basket: solitamente sono realizzati in tessuto traspirante e hanno tallone e punta rinforzati per resistere anche a sollecitazioni ripetute.

Una volta scelto l’abbigliamento da basket, c’è una questione ancora più importante: la scarpa da basket. Come per qualsiasi sport, anche nel basket è fondamentale scegliere le giuste scarpe sportive: avere ai piedi un modello sbagliato per il tuo peso o il tuo gioco, può portare a dolori, contratture e anche a prestazioni peggiori rispetto al tuo potenziale. Le scarpe da basket si dividono in tre grandi categorie: ecco le caratteristiche di ogni tipologia, per scegliere quelle perfette per te e per il tuo gioco.

Scarpe alte, medie o basse? Scegliere l’altezza della tomaia

Una prima, grande distinzione, va fatta tra le scarpe da basket alte, medie o basse: ogni altezza della tomaia presenta alcuni vantaggi e svantaggi; si tratta dunque di un fattore chiave da prendere in considerazione, non di una scelta puramente estetica ma tecnica. Ecco quali sono le principali differenze tra le tre tipologie.

Scarpe da basket alte

Offrono un ottimo sostengo della caviglia, sono consigliate per giocatori molto alti e pesanti, in particolare per chi ha un ruolo centrale: ali grandi e pivot, ad esempio, sono ruoli che richiedono molti salti e atterraggi e mettono dunque a rischio distorsioni le caviglie. Tra i migliori modelli in questa categoria, rientrano sicuramente le Nike Jordan Super Fly 5, dedicate a Micheal Jordan e disponibili in diversi colori: durabilità, grandissimo comfort, qualità dei cuscinetti sono le caratteristiche chiave, unite a un’allacciatura incrociata che assicura la massima libertà di movimento.
Nike Jordan Super.Fly 5

Scarpe da basket medie

Grande libertà di movimento e allo stesso tempo un ottimo sostegno alla caviglia, le scarpe con tomaia media sono leggermente più basse e si fermano al livello della caviglia. Limitano il sudore e sono particolarmente diffuse tra i giocatori principianti e quelli che praticano il basket occasionalmente, così come per quelli che puntano sulla velocità invece che sulla potenza. Tra i migliori modelli in circolazione, le Nike Lebron Witness, dedicate al grande cestista statunitense: resistono anche a ritmi molto intensi, assicurano un comfort ideale e sono dotate di innovativi cuscinetti che assorbono l’80% in più degli impatti rispetto a qualsiasi altra scarpa finora.
nike-lebron-witness

Scarpe da basket basse

Sono in netta minoranza i giocatori che utilizzano questo genere di scarpa sportiva perché, pur essendo molto leggere e flessibili, non assicurano alcuna protezione alla caviglia. Scelte soprattutto da guardie e playmaker, che hanno appoggi meno violenti e movimenti più rapidi rispetto ad altri ruoli, offrono ampia libertà di movimento della caviglia e sono adatte ai più leggeri e scattanti. Un modello da prendere in considerazione sono le le Nike Hyperdunk Low: flessibili e comode, si adattano alla forma del piede e assicurano la migliore ammortizzazione; l’interno è realizzato in Flyware, un materiale creato per evitare che il piedi scivoli.
Nike Hyperdunk X Low

Irene Bicchielli
Irene Bicchielli

Nata nel 1988 a Firenze, dove vive ancora oggi, ha da sempre uno smisurato amore per le parole. Ha imparato a leggere e a scrivere prima delle scuole elementari e da allora non ha più smesso: lettrice seriale con un'originale passione per i romanzi storici, ha frequentato il liceo classico e poi si è laureata in Scienze Politiche per diventare...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

progetto WMNS Together Nike
Sport 9 agosto 2019

AW Lab e Nike insieme per un progetto dedicato alle donne

"Ognuna di noi ha un potere. O meglio: un super potere." Comincia così il manifesto redatto da AW Lab e Nike, dedicato a tutte le donne che vogliono costruire un futuro migliore.

Lacoste storia del brand
Sport 26 giugno 2019

Lacoste, storia del brand icona che ha inventato la polo

Oggi, dire polo è un po' come dire Lacoste. Ma come è nato il brand francese famoso in tutto il mondo per l'eleganza e la semplicità dei suoi capi di abbigliamento sportivo?

Softair
Sport 28 maggio 2019

Softair: cos’è e quale attrezzatura serve per iniziare

Il softair è un’attività che negli ultimi anni sta riscuotendo sempre più successo, anche in Italia. Il termine arriva dalla lingua inglese e significa letteralmente “aria soffice” o “aria compressa” perché, per