Tech 21 agosto 2019

Recensione Mi Band 4: fitness tracker economico di Xiaomi

Xiaomi-Mi-Band-4

La Xiaomi Mi Band 4 è stata presentata alcune settimane fa, e già sulla carta si preannunciava come la migliore opzione possibile per chi vuole un fitness tracker completo ma non troppo costoso.

Xiaomi Mi Band 4

Con un prezzo di listino pari a 34,99 euro, infatti, questo braccialetto è forse il più economico che possiate avere tra i nuovi modelli. Per spendere meno, infatti, dovreste orientarvi sul modello precedente, ciò la già eccellente Xiaomi Mi Band 3, che si trova in effetti a meno di 30 euro.

Il modello nuovo però offre molto, in rapporto a una differenza di costo relativamente piccola. A cominciare dallo schermo AMOLED più grande e a colori, e una serie di sensori più completa che permette un monitoraggio più preciso degli allenamenti. La Mi Band 4 è inoltre impermeabile fino a 50 metri, quindi potrete usarla senza problemi anche per andare a nuotare in piscina.

Xiaomi-Mi-Band-4

Sono caratteristiche che anche gli altri marchi offrono, ma a prezzi sostanzialmente più alti.

Manca il GPS, quindi se uscite per allenarvi e volete tracciare il percorso dovrete portarvi anche lo smartphone. E manca anche la connessione NFC, che in teoria permette di fare pagamenti direttamente con il braccialetto (come con Apple Watch 4); ma i punti vendita con questa tecnologia, in Italia, sono ancora pochi e quindi il problema è probabilmente trascurabile. In ogni caso, se cercate all’estero, esiste anche la Xiaomi Mi Band 4 con NFC.

Design

Voto: 8/10

Esteticamente la Mi Band 4 è molto simile al modello precedente. La differenza più evidente è lo schermo a colori (prima era in bianco e nero), ma guardando da vicino e con attenzione si nota anche che il display è leggermente più grande. Per il resto il design è identico, tanto che sono compatibili anche i cinturini della Mi Band 3. Con un peso di soli 22 grammi, vi dimenticherete facilmente di averla addosso.

Xiaomi-Mi-Band-4

Il cinturino fornito nella confezione è in silicone, non particolarmente elegante ma senz’altro adatto allo sport. Ha una chiusura salda, che andrà bene anche per chi fa attività parecchio movimentate. Se volete un cinturino più elegante, comunque, potrete prenderlo separatamente.

Xiaomi Mi Band 4 alla prova

Voto: 8/10

La Xiaomi Mi Band 4 inizia e finisce nel suo schermo AMOLED da 0,95 pollici, unico elemento da usare per interagire con il dispositivo, oltre all’applicazione da installare sullo smartphone. La risoluzione, 120×240, rende il testo leggibile e ben definito; la luminosità massima potrebbe essere migliore, e in pieno giorno questo schermo non è ben leggibile quanto avremmo voluto.

Si tratta di un touchscreen, quindi basta toccarlo per visualizzare le varie informazioni. Sotto c’è anche un pulsante Home, che facilita tutta la navigazione.

La Mi Band 4 può tracciare automaticamente molte attività sportive, comprese diverse varianti del nuoto. Non è il massimo della precisione se confrontata a prodotti come il Garmin Fenix 5X o il Garmin Fenix 5 Plus, ma sicuramente ha prestazioni eccellenti in rapporto al prezzo.

Anche il rilevamento del battito cardiaco è buono ma non eccellente. Durante l’attività sportiva è meno preciso che in altri momenti, e in generale gestisce a fatica in cambiamenti rapidi di ritmo. Per chi fa allenamenti molto intensi o professionali, dunque, forse non è il fitness tracker ideale.

Similmente, il rilevamento del sonno è meno che perfetto, ma andrà più che bene per la maggior parte delle persone.

Xiaomi Mi Band 4

La Xiaomi Mi Band 4 si collega allo smartphone tramite Bluetoot 5.0, una connessione a basso consumo che funziona molto bene. Grazie ad esso si possono vedere le notifiche sullo schermo, oppure “sentirle” tramite la vibrazione. Non è possibile nessuna interazione, quindi non possiamo per esempio rispondere a un messaggio; ma con uno schermo così piccolo sarebbe comunque una sfida molto ardua. Non c’è un microfono per parlare al telefono o inviare messaggi vocali. È però possibile controllare la riproduzione musicale.

L’applicazione di riferimento è Mi Fit, sviluppata da Xiaomi e compatibile con Google Fit. Al momento il software è solo in inglese, ma Xiaomi in genere è abbastanze celere con le traduzioni.

Conclusioni

Voto: 9/10

PRO

CONTRO

La Xiaomi Mi Band 4 è un fitness tracker fantastico, con ogni probabilità il migliore che si possa acquistare nella sua fascia di prezzo. Anzi, a ben guardare offre la stessa qualità e le stesse prestazioni di prodotti più chiari.

E quindi un fitness tracker adatto quasi a tutti, sicuramente a chiunque voglia fare un po’ più di movimento, senza necessariamente avviare un programma di allenamento vero e proprio. E andrà bene anche per chi fa sport abitualmente, ma non a livelli competitivi o agonistici.

Chi fa sport ad alto livello invece preferirà prodotti più avanzati e funzionali, ma anche più costosi.

Detto questo, a 34,99 euro di listino la Xiaomi Mi Band 4 è semplicemente un acquisto da fare a occhi chiusi, se cercate il vostro primo fitness tracker o volete cambiare quello che avete senza spendere troppo. Al momento, tra l’altro, su Trovaprezzi è disponibile a prezzi anche più bassi.

Valerio Porcu
Valerio Porcu

Classe 1976, ha studiato elettronica e letteratura, con una specializzazione in didattica delle lingue. Grazie all’unione della formazione tecnica con quella umanistica, ha sviluppato uno sguardo critico e attento, e la capacità di osservare con attenzione e distacco lo sviluppo tecnologico, sia per i grandi salti evolutivi sia per i piccoli oggetti di uso quotidiano. Uno sguardo maturo che sa...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

come fare yoga
Sport 24 marzo 2020

#iorestoacasa: aiutiamo corpo e mente con lo Yoga

In queste giornate in cui #iorestoacasa è diventato per tutti il mantra quotidiano, è più che mai importante seguire il suggerimento del famoso filosofo indiano Paramahansa Yogananda:   “Vivete soltanto nel presente, non

Fitness Osservatorio Trovaprezzi
Trend 29 maggio 2019

Universo Fitness: tutti i numeri e i trend che corrono sul web

Con un volume d’affari in continuo aumento (nel 2017 era pari a 10 miliardi) generato da palestre, centri benessere e spa il fitness è ormai un vero business che coinvolge anno dopo

Fitbit Versa Lite
Tech 28 aprile 2019

Recensione Fitbit Versa Lite, piccolo e colorato, solo un po’ caro

Fitbit ha rinnovato la sua gamma di dispositivi indossabili negli ultimi due anni. Abbiamo già avuto modo di analizzare i nuovissimi Fitbit Inspire HR e Fitbit Inspire, mentre oggi è il turno