Tech 30 settembre 2019

OnePlus 7T ufficiale: le nostre prime impressioni

Copertina OnePlus 7T

OnePlus 7T è stato ufficialmente presentato e, come da tradizione, rappresenta un’evoluzione degli attuali OnePlus 7 e 7 Pro che, come apparso dalle indiscrezioni dei giorni precedenti, vanno a risolvere alcune criticità soprattutto sul lato fotografico, da sempre tallone d’Achille dei device dell’azienda cinese.

Infatti, seppur i precedenti smartphone OnePlus garantissero comunque una buona qualità fotografica, non riuscivano a rappresentare una valida alternativa a top di gamma più blasonati come per esempio Huawei P30 Pro, iPhone Xs e Samsung Galaxy S10.

La scheda tecnica è comunque da vero top di gamma, eccezion fatta per qualche caratteristica come per esempio la risoluzione del display che si ferma al FullHD+, ovvero 1080 x 2400 pixel, ma che presenta comunque una frequenza di aggiornamento di 90Hz.

OnePlus 7t

OnePlus 7T con tripla fotocamera posteriore.

La parte posteriore è realizzata in vetro e in particolare nella colorazione Blue in nostro possesso appare gradevole anche se tende a catturare un po’ troppe impronte digitali. OnePlus 7T sarà poi disponibile anche nella colorazione Frosted Silver. La parte frontale vede come protagonista il pannello da 6,55 pollici con tecnologia che OnePlus chiama Fluid AMOLED. È ancora presente il notch a goccia che ospita la fotocamera frontale da 16 Megapixel. Il rapporto di forma è di 20:9, molto simile dunque al display di Xperia 1 con formato 21:9, formato che ricordiamo essere usato nel cinema.

Il sensore per le impronte digitali è sotto al display ed è, come da tradizione dell’azienda, fulmineo nel riconoscimento, così come funziona bene anche lo sblocco tramite il volto.

L’audio è stereo e la qualità è ottima. I pulsanti laterali sono comodamente raggiungibili, ma lo smartphone in mano risulta un po’ pesante, caratteristica che compromette in parte l’uso con una sola mano.

Non mancano l’NFC e il supporto al Dual-SIM, mentre manca il jack aux da 3,5 millimetri, scelta adottata da sempre più produttori, in favore della connettività wireless Bluetooth. Non ci sono ancora informazioni ufficiali in merito a disponibilità e prezzi, per cui dovremmo attendere la prima metà di ottobre.

Vittorio Pipia
Vittorio Pipia

Nato nel 1992 ho sempre avuto una grande passione per i motori e per la tecnologia, passioni che ho poi sempre coltivato fino a farle diventare parte del mio lavoro. Da circa 4 anni provo, analizzo diversi prodotti delle più svariate categorie, dall’intrattenimento audio-visivo fino agli elettrodomestici passando per la domotica. Analisi che condivido poi online in diversi modi, con...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

ARM
Tech 29 maggio 2020

Android sfida Apple con ARM Cortex-X1

ARM Cortex-X1 è la sigla che identifica un nuovo processore molto potente destinato a essere usato da dispositivi Android di fascia alta nel 2021. L'azienda ha anche annunciato il programma Cortex-X Custom

Xiaomi pensa al 6G
Tech 29 maggio 2020

Xiaomi pensa già al 6G

Xiaomi ha comunicato qualche settimana fa, come avevamo scritto nel nostro articolo, che si sarebbe concentrata sullo sviluppo di soli smartphone compatibili con le reti 5G, proprio come Xiaomi Mi 10 5G

iPhone 2021
Tech 29 maggio 2020

L’iPhone del 2021 avrà 4 fotocamere?

iPhone 11 e 11 Pro compiranno a giugno nove mesi di vita e già si preparano a lasciare la scena al prossimo iPhone 12. Sappiamo bene che la macchina dei rumors è