Farmacia Loreto: 10% di extra sconto su tutti i Solari. Codice sconto esclusivo SOLARI10

Come scegliere il miglior TV per i videogiochi

Il TV perfetto per i videogiochi è dotato di HDMI 2.1, refresh rate elevato, supporta HDR e ha un basso input lag.
Di Nicola Zucchini Buriani 14 Luglio 2023
TV Gaming

I videogiochi hanno ormai raggiunto un’importanza sempre maggiore: da strumento di svago per giovani si sono trasformati in un fenomeno di costume che coinvolge fette sempre più ampie e che vede anche gli adulti come assidui fruitori. Non stupisce quindi che i produttori di TV abbiamo deciso di dare un ampio spazio alle funzioni legate alle attività videoludiche.

Scegliere il miglior prodotto per giocare non è però così semplice, specialmente se si ricercano alte prestazioni: vengono infatti coinvolte varie tecnologie introdotte di recente e non in modo sempre così chiaro, specialmente per chi non mastica questi aspetti. In questo articolo andremo a vedere quali sono i principali aspetti da tenere in considerazione quando si acquista un TV per i videogiochi.

HDMI 2.1 è il requisito fondamentale

Partiamo da un requisito essenziale che non può mai mancare: il TV deve disporre di porte HDMI in versione 2.1, quella più aggiornata. Perché HDMI 2.1 è così imprescindibile? È presto detto: senza HDMI 2.1 non è possibile sfruttare tutte le funzioni più evolute: ci riferiamo alla frequenza di aggiornamento variabile Variable Refresh Rate (VRR) che viene declinata anche sotto forma di soluzioni proprietarie, cioè G-SYNC di NVIDIA e FreeSync di AMD. Con questa funzione console/PC e TV sincronizzano la frequenza di aggiornamento eliminando alcuni difetti e migliorando la reattività ai comandi.

TV LG OLED 48 pollici

TV LG OLED serie C2 da 48 pollici

L’HDMI 2.1 permette poi di utilizzare la risoluzione Ultra HD a 120 Hz, quindi una definizione molto alta e una fluidità altrettanto elevata. Con le versioni precedenti è impossibile perché la quantità di dati inviata tramite HDMI è insufficiente per un segnale così complesso. Durante la scelta del prodotto da acquistare è quindi fondamentale controllare che siano presenti ingressi HDMI 2.1. Attenzione però a quello che si legge: purtroppo nelle schede prodotto capita non raramente che si indichino come HDMI 2.1 tutte le porte che supportano anche solo una delle funzioni previste dallo standard.

Le suddette funzioni comprendono anche l’attivazione automatica della modalità gioco (Auto Low Latency Mode) e il canale di ritorno audio evoluto (eARC). Vogliamo inoltre sottolineare che sono in vendita alcuni modelli che si fermano a 60 Hz ma supportano il VRR, sempre fino a 60 Hz; l’esperienza non è ovviamente identica ai modelli che arrivano a 120 Hz: ci si può tranquillamente accontentare ma è bene capire la differenza e non farsi confondere. Un generico supporto a HDMI 2.1 non è pertanto utile quando si parla di videogiochi: serve il supporto preciso per le funzioni che abbiamo specificato, solo in quel caso il prodotto è veramente adatto allo scopo.

Fortunatamente ci sono molti TV dotati di tutto il necessario: ci sono gli OLED LG, come G3 e C3, gli OLED Sony come A80L e A95K, ma si può anche spendere meno acquistando un TCL C735 oppure comprando un taglio relativamente piccolo ma di fascia alta, come il  Samsung QN90B. Le alternative sicuramente non mancano.

Quanti ingressi HDMI 2.1 servono?

Oltre a controllare le specifiche per verificare le funzioni supportate, c’è un altro aspetto da tenere in considerazione riguardo gli ingressi HDMI 2.1. Ci riferiamo al numero delle porte disponibili in versione HDMI 2.1. Su molti prodotti solo alcune delle porte presenti sono HDMI 2.1, affiancate poi da altre HDMI ma in versione 2.0. Esistono anche prodotti con tutti gli ingressi HDMI 2.1 ma non è assolutamente la regola. Tra i modelli con 4 ingressi HDMI 2.1 possiamo citare gli LG C2, LG G2 e praticamente tutti i Neo QLED Samsung come QN900B, QN95B eccetera. Un OLED LG B2, ad esempio, non dispone di 4 HDMI 2.1 ma solo di 2. Bisogna sempre controllare con attenzione.

2 porte HDMI 2.1 possono bastare?

Se si collega una console PlayStation 5, una Xbox Series X o un PC, sono naturalmente più che sufficienti. Attenzione però perché se invece il dispositivo da connettere al televisore è più di uno allora la situazione si complica. Abbiamo detto che nel peggiore dei casi le porte HDMI 2.1 sono 2, quindi dovrebbero bastare per collegare 2 prodotti simultaneamente.

Il menu Game Optimizer su un OLED LG

Il menu Game Optimizer su un OLED LG

Purtroppo c’è una complicazione potenziale: nella maggior parte dei casi uno dei due ingressi HDMI 2.1 è quello con eARC, il canale di ritorno audio evoluto. eARC è utile per collegare una soundbar o un sistema esterno in modo da far passare tutto l’audio del TV in uscita verso l’impianto separato. Se si sfrutta la porta HDMI 2.1 con eARC per questo scopo, questa diventa indisponibile per il collegamento di console o PC. Rimane perciò un solo ingresso HDMI 2.1 libero che ovviamente non basta se si possiede più di un dispositivo da usare col TV.

Qualche eccezione c’è ma sono poche: citiamo per esempio il TCL C935, che ha 2 ingressi HDMI 2.1 ma con eARC riposizionato su uno degli 2 ingressi HDMI 2.0.

I TV a 144 Hz

La possibilità di giocare a risoluzione Ultra HD e 120 Hz non rappresenta più il massimo raggiungibile dai TV. Da qualche tempo anche gli schermi televisivi hanno iniziato a supportare frequenze di aggiornamento precedentemente raggiunte solo dai monitor da gioco. Sui modelli più evoluti si arriva oggi a 144 Hz, a patto di disporre di un PC da gioco sufficientemente aggiornato e potente.

Il TV LCD MIni LED TCL C835 a 144 Hz

Il TV LCD MIni LED TCL C835 a 144 Hz

Cosa cambia rispetto ai 120 Hz? Aumenta la fluidità, diminuisce un po’ la sfocatura nei movimenti più rapidi e si ottiene una risposta ai comandi ancora più pronta, come abbiamo spiegato nel nostro approfondimento sull’importanza degli Hz nei monitor da gioco. I modelli che supportano i 144 Hz non sono ancora molti: citiamo ad esempio i TCL C835, i Samsung QN900C.

HDR  e input lag

Gli ultimi due aspetti da tenere in considerazione per ottenere la miglior esperienza di gioco possibile sono la compatibilità con HDR e un basso input lag. Il supporto a HDR è ormai praticamente scontato nel formato base HDR10. Quello che si può ricercare per avere un livello ancora più alto sono HDR10+ Gaming e Dolby Vision. Quest’ultimo può anche funzionare a 120Hz su alcuni prodotti: in realtà per il momento sono molto pochi perché solo dal 2023 la compatibilità è stata estesa ad altri modelli grazie ad un nuovo SoC MediaTek.

Un TV Neo QLED Samsung con Gaming Hub

Un TV Neo QLED Samsung con Gaming Hub

Di base il Dolby Vision a 120 Hz si trova su tanti OLED e alcuni QNED LG, ad esempio i QNED99. Concludiamo con l’input lag, citato per ultimo ma non per questo poco importante. L’input lag altro non è che il ritardo nella risposta ai comandi. Tutti i televisori ne introducono un po’ per mandare su schermo le immagini: per i videogiochi è necessario che sia il più basso possibile, perché se sale troppo i controlli arrivano in ritardo rispetto al segnale video e giocare diventa frustrante.

Per poter capire a quanto ammonta l’input lag è spesso necessario provare di persona o affidarsi alle recensioni: purtroppo molte schede prodotto non ne riportano il valore. In generale viene considerato buono un input lag inferiore ai 20 millisecondi con segnali a 60 Hz, ottimo se ci si avvicina ai 10 ms. Salendo con la frequenza di aggiornamento si ottengono poi valori ancora inferiori, quindi basta conoscere il ritardo a 60 Hz.

Pubblicato il 14 Luglio 2023
Nicola Zucchini Buriani
Nicola Zucchini Buriani

Da sempre grande appassionato di tecnologia, ha cominciato con i computer da bambino, passando da Amiga ai PC per arrivare poi ai Mac, i sistemi con cui oggi produce tutti i contenuti pubblicati sul web. Nel frattempo si è sempre dilettato con i videogiochi, altra grande passione che coltiva tuttora. Non solo giochi moderni ma anche retrogame, con una collezione...Leggi tutto

Gli articoli, le guide, le recensioni e tutti i contenuti editoriali presenti su Trovaprezzi.it sono scritti esclusivamente da esperti di settore (umani). Non utilizziamo strumenti di intelligenza artificiale per produrre testi o altri contenuti.

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

Segui le migliori offerte su Telegram
Torna su