Tech 8 febbraio 2021

Intel sfida il processore M1 di Apple con alcuni test

Intel

Intel ha messo a confronto i suoi processori Tiger Lake di undicesima generazione con il nuovo chip M1 di Apple, mostrando come le sue creature siano in grado di fare meglio. A fine anno, il colosso di Cupertino ha dato il via a una vera e propria rivoluzione annunciando i primi MacBook Pro, MacBook Air e Mac Mini basati su una soluzione proprietaria, proprio come avviene già su iPad e iPhone. È l’inizio dell’addio ai processori Intel che dovrebbe concludersi entro due anni.

L’azienda di Santa Clara così sta perdendo uno dei suoi clienti più importanti. Stando a quanto riportato da PC World, Intel ha diffuso nei giorni scorsi una presentazione in cui – sulla base di test interni – si mostrerebbe come i processori Core i7 di undicesima generazione siano migliori dell’M1 di Apple. Tuttavia, i dati riportati sono da prendere con le giuste cautele in quanto basati su test creati dalla società stessa, non su benchmark standard del settore. Inoltre, in alcuni punti si è passati da un MacBook Pro a un MacBook Air e a due chip Intel differenti (Core i7-1185G7 e Core i7-1165G7). Tutti elementi dunque che non ci permettono di avere un’immagine completa.

Intel vs Apple

Entrando nello specifico, le soluzioni Intel supererebbero quella di Apple nella navigazione su Chrome, nelle attività di Office 365, nell’utilizzo delle app Adobe e nella gestione di funzionalità basate sull’intelligenza artificiale. Un sistema basato su CPU Core i7-1185G7 e 16 GB di RAM sarebbe il 30% più veloce rispetto a un MacBook Pro.

Quanto al gaming, Intel non solo mostra prestazioni migliori in generale ma sottolinea che molti giochi non sono attualmente disponibili per macOS. Aspetto che potrebbe essere un non-problema per gli utenti Apple che probabilmente non acquistano un MacBook Pro con l’intento primario di giocare a titoli importanti.

Intel vs Apple

Il colosso di Santa Clara non tralascia nessun aspetto. L’autonomia di nuovi computer Apple non sarebbe lontana da quella dei sistemi Tiger Lake e i nuovi MacBook non avrebbero superato i test per la certificazione Evo (il programma Intel per una serie di notebook che rispettano determinati standard di qualità, come il nuovo VivoBook di ASUS). Infine, si sottolinea come le soluzioni Intel offrano un miglior supporto per i monitor esterni e una maggiore scelta in termini di design e funzionalità, come ad esempio i notebook convertibili o con display touchscreen.

Come detto, bisogna prendere con le pinze questi dati ma una cosa è certa: la sfida tra Intel e Apple è appena cominciata e si preannuncia molto intensa.

Lucia Massaro
Lucia Massaro

Classe 1990, formazione umanistica, laureata in Traduzione Specialistica e una passione nascosta per la tecnologia. Sono la prova lampante che nella vita ognuno è l’artefice del proprio destino. Ho iniziato a giocare con il primo computer quando avevo appena imparato a leggere. Man mano abbandonavo la pesante enciclopedia cartacea per passare a Encarta, la più famosa enciclopedia multimediale prodotta da...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

iPad Pro 2020
Tech 12 aprile 2021

iPad Pro 2021: i nuovi tablet sono in dirittura d’arrivo

Apple sarebbe pronta ad annunciare i nuovi iPad Pro 2021 nonostante alcuni problemi di fornitura. La notizia trova un’ulteriore conferma da parte di Bloomberg secondo cui la versione più costosa del successore

Apple Magic Keyboard vs Smart Keyboard Folio
Tech 11 aprile 2021

Apple Magic Keyboard vs Smart Keyboard Folio: quale scegliere?

Apple Magic Keyboard, Smart Keyboard Folio e Smart Keyboard sono le tastiere di riferimento per chi possiede un iPad. In questa comparativa ci concentreremo soprattutto sui primi due modelli, perché di fatto

Belkin Soundform Freedom
Tech 8 aprile 2021

Belkin annuncia i primi auricolari compatibili con l’app Dov’è di Apple

Belkin è la prima azienda ad aver annunciato un paio di auricolari true wireless compatibili con l’app Dov’è di Apple. Si chiamano Soundform Freedom e possono essere registrati all’interno dell’app del colosso