Tech 31 dicembre 2020

Recensione Google Nest Mini: lo smart speaker perfetto a basso costo

Google Nest Mini

Il settore degli speaker intelligenti è diventato sempre più ricco di alternative e quando si parla di assistenti digitali Google è in prima linea nel fornire l’esperienza utente ideale per la domotica o per chi vuole semplicemente un dispositivo in grado di svolgere compiti semplici. Tra le varie alternative che il colosso tech propone, per coloro che cercano una scelta economica per approcciarsi a questa tecnologia arriva Google Nest Mini, un piccolo speaker dalle grandi capacità per il prezzo proposto.

Lo smart speaker di Google è definito esattamente come entry-level, ossia l’ideale per chi non è ancora entrato in contatto con gli altoparlanti intelligenti e vuole capire come possano migliorare la vita di tutti i giorni, specie ora che l’importanza dell’ambiente domestico è stata rivalutata in molti aspetti. Intrigante e dall’ingombro ridotto, Google Nest Mini è un assistente adattabile a ogni angolo della casa.

Google Nest Mini

Design

Voto: 9/10

Guardando il prodotto in questione, si nota chiaramente la cura che Google ha messo anche in questo smart speaker dal prezzo economico, rendendolo quindi molto vicino nelle forme agli altri speaker più performanti o definibili “top di gamma“. Moderno e sobrio, il Google Nest Mini utilizza le sfumature del grigio per dare ancora più rilievo alle curve che descrivono la circonferenza del dispositivo. La parte superiore è avvolta in un tessuto che copre i pulsanti touch con cui si possono compiere le principali interazioni, come abbassare il volume o mettere in pausa la riproduzione. Sotto invece troviamo una base in gomma che funge più da appoggio che da centro con cui interagire, sebbene sia presente il pulsante per disattivare il microfono.

La vera chicca è la base universale che permette a Google Nest Mini di essere appeso alle pareti, il che è una novità abbastanza intrigante nel settore degli smart speaker, spesso associati più a soprammobili piuttosto che a oggetti da poter appendere. Purtroppo però, al Google Nest Mini manca un jack da 3.5 mm con cui collegare altoparlanti, smartphone o lettori vari, sebbene lo smart speaker di Google compensi questo difetto con il supporto al Bluetooth 5.0.

Google Nest Mini

Prestazioni Audio

Voto: 7/10

Il prezzo di Google Nest Mini è davvero economico, oscillando tra i 25 e i 50 euro, per tale ragione le prestazioni come altoparlante del Google Nest Mini sono piuttosto semplici e di certo non garantiranno le stesse performance di altri smart speaker top di gamma, come Apple HomePod. Non per questo però, la qualità audio dello smart speaker in miniatura di Google sono da considerarsi di scarsa qualità, anzi. La potenza del Google Nest Mini è abbastanza sorprendente e sfrutta al meglio di tre altoparlanti di cui è dotato.

Gli alti e i bassi non sono così delineati e non c’è una separazione stereo, però il suono che emette Google Nest Mini è chiaro e ben diffuso nella stanza in cui lo si colloca, permettendovi di ascoltare la vostra musica ad una qualità più che godibile. Chi beneficerà di più delle qualità audio del Google Nest Mini saranno gli ascoltatori di podcast e chi vorrà utilizzarlo come lettore delle notizie del giorno, considerando nello specifico la grande attenzione alla chiarezza delle voci. Infine, se volete provare a migliorare il vostro ascolto, potrete regolare diverse impostazioni sull’app Google Home.

Google Nest Mini

Prestazioni Assistente Google

Voto: 9/10

Se la musica non è lo scopo primario per cui è stato concepito Google Nest Mini, lo è invece la sua natura da assistente quotidiano, la cui essenza arriva dall’ormai diffuso Assistente Google. Presente ormai in molti altri dispositivi moderni, come per esempio i modelli della linea smartphone di Samsung, Assistente Google è una delle più accurate intelligenze artificiali sul mercato, anche grazie al costante utilizzo dei dati raccolti dagli utenti e dalle migliorie apportate negli anni. Con il vostro Google Nest Mini avrete quindi accesso ad Assistente Google semplicemente utilizzando dei comodi comandi vocali. Potrete, ad esempio, gestire il calendario fissando date o promemoria, utilizzarlo come un timer per la cucina, riprodurre la musica preferita e utilizzarlo come collegamento per gli altri dispositivi smart della casa, partendo dalla TV intelligente ad altri sistemi da domotica.

Per far tutto questo è richiesto l’utilizzo dell’app Google Home, in modo da poter configurare al meglio Google Nest Mini e poterlo anche regolare da remoto quando più lo desiderate. I servizi a cui si può connettere tramite il vostro telefono sono molteplici e passano da Spotify, iTunes e Youtube Music. Purtroppo però, Google Nest Mini non vi permette di selezionare una specifica canzone da riprodurre al momento se non tramite gli abbonamenti premium degli omonimi servizi, a meno di non ovviare a questo ostacolo semplicemente riproducendo il contenuto preferito tramite la normale applicazione di YouTube tramite telefono.

In un modo o nell’altro però, Assistente Google è il vero motivo per cui si potrà apprezzare Google Nest Mini come strumento nella vita quotidiana, arrivando a un basso costo e contenendo tutte quelle funzioni che ci aspetterebbe da un qualsiasi altro smart speaker della famiglia Google. Se poi avete intenzione di utilizzare Google Nest Mini come speaker aggiuntivo in un già esistente sistema Google, basterà connetterlo a Google Home e impostarlo secondo i vostri gusti.

Google Nest Mini

Conclusioni

Voto: 8/10

Pro

Contro

Google Nest Mini arriva sul mercato a un prezzo davvero competitivo e che richiede di accettarne gli ovvi compromessi. La qualità audio, nei brani musicali almeno, non raggiungerà gli standard più alti degli smart speaker e l’assenza di un jack da 3.5 mm potrebbe essere un difetto da tenere in considerazione, tuttavia la sua natura da assistente smart è più che sufficiente a dimostrare il valore di questo Google Nest Mini. Accompagnandovi nel quotidiano in qualsiasi stanza, Assistente Google rappresenta un’opportunità più che ghiotta per chiunque non si sia ancora avvicinato a questa particolare esperienza e cerchi un prodotto che lo introduca a questo particolare settore tecnologico. Se si considera che è poi possibile ampliare i propri dispositivi Google a piacimento grazie a Google Home, Google Nest Mini è una porta d’ingresso ideale verso un nuovo modo di organizzare il proprio lavoro o le faccende di casa.

Alessandro Palladino
Alessandro Palladino

Nato nel 1994, si è innamorato del mondo dei computer all'età di 6 anni grazie a Windows Millenium Edition. Per quanto la passione per la tecnologia lo abbia sempre accompagnato, è stato nella lettura e nella scrittura che ha trovato l'ispirazione per il proprio percorso di studi, dedicato a materie umanistiche e al mondo del giornalismo, dell'editoria e della comunicazione...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

Google Nest Hub TimVision
Tech 2 marzo 2021

TIMVISION disponibile sugli smart display Google Nest Hub

Belle notizie per i clienti TIM abbonati al servizio di video streaming TIMVISION. Ora è possibile guardare i contenuti della piattaforma direttamente su uno degli smart display della linea Nest Hub di

Huawei Sound
Tech 2 marzo 2021

Huawei Sound, in Italia il nuovo smart speaker compatto

Non solo smartphone. Huawei diversifica sempre più il proprio business con auricolari wireless come le FreeBuds 3, smartwatch, laptop, router WiFi e anche smart speaker. Il colosso cinese infatti ha annunciato la

Google Nest Hub Max
Tech 1 marzo 2021

Google Nest Hub verso il monitoraggio del sonno

Negli ultimi anni, le funzioni per la salute stanno spopolando sui dispositivi tecnologici. Le ritroviamo principalmente su smartwatch e fitness tracker: tutti i wearable smart – come Mi Band 5, Apple Watch, Galaxy