Recensione Xiaomi Mi 11 Lite 5G: sottile e bello!

Un corpo sottile, leggero ed elegante che non sacrifica le prestazioni: è questa la descrizione in sintesi del nuovo Mi 11 Lite 5G di Xiaomi.
Di Lucia Massaro @LuciaMassaro1 29 maggio 2021
Mi 11 Lite 5G

Smartphone sempre più potenti e dimensioni sempre più generose. Sembra essere questa la moda del mercato smartphone in cui è diventato difficile riuscire a trovare soluzioni compatte, leggere e potenti allo stesso tempo. A oggi gli unici modelli in grado di coniugare queste caratteristiche sono Galaxy S21, iPhone 12 Mini e il nuovo ZenFone 8 di ASUS. Tra questi, spicca Xiaomi Mi 11 Lite 5G che del design sottile e accattivante ha fatto uno dei suoi punti di forza.

Mi 11 Lite 5G non è solo bello ma soddisfa in ogni situazione, come vedremo nella nostra recensione.

Un peso piuma

Mi 11 Lite 5G è lo smartphone più bello di questa prima parte del 2021. I gusti sono soggettivi ma resta un prodotto in grado di attirare su di sé gli occhi di tutti. Xiaomi ha svolto un ottimo lavoro a livello costruttivo. La scocca è realizzata in policarbonato ma la lavorazione lo porta a confonderlo con il vetro opaco. La sensazione tra le mani non è quella di un materiale economico. Anzi.

Mi 11 Lite back cover

Ciò che colpisce è la colorazione. Xiaomi ha scelto colori frizzanti che rendono Mi 11 Lite 5G riconoscibile. Il modello in nostro possesso è nella meravigliosa variante cromatica Mint Green ma c’è anche lo sfizioso Citrus Yellow e il più classico Truffle Black. Il contrasto del modulo fotografico dagli angoli stondati è molto piacevole. È uno di quegli smartphone che dispiace coprire con una cover, anche se il pannello trattiene un po’ le ditate.

È la leggerezza però che prende il sopravvento. Mi 11 Lite 5G è più sottile di iPhone 12 Mini e più leggero del Galaxy S21. Pesa appena 159 grammi, mettendo a disposizione comunque un ampio display AMOLED da 6,55 pollici con frequenza di aggiornamento a 90 Hz. Purtroppo, lo schermo lascia spazio ancora a un po’ di cornici. Parliamo comunque di un ottimo pannello che non ha creato mai alcun problema di leggibilità né all’interno né all’esterno.

mi 11 lite display

Il sensore biometrico per il riconoscimento delle impronte digitali è posto sul bordo laterale destro. Ottima la posizione, un po’ meno il funzionamento (a volte lento e impreciso). Non c’è il LED di notifica come su POCO X3 Pro, ma è possibile attivare l’animazione luminosa che illumina i bordi dello schermo alla ricezione delle notifiche. C’è l’Always-On Display che se attivato consumerà ovviamente più batteria.

Oltre al design, c’è di più

Mi 11 Lite 5G è il primo a montare il nuovo processore Snapdragon 780G di Qualcomm. Un chip che – nella versione con 8 Gigabyte di RAM e 128 Gigabyte di memoria interna espandibile – riesce ad offrire delle ottime prestazioni in tutte le situazioni. Scalda leggermente quando messo molto sotto stress o durante lunghe sessioni di videochiamate. Nulla comunque che crei fastidio.

mi 11 lite bordo

La connettività dimentica solamente il jack audio da 3,5 mm, per cui non potrete collegare le vostre cuffie cablate. È vero che il mercato si sta dirigendo verso soluzioni wireless, ma avere a disposizione un ingresso audio fa sempre comodo.

Gli smartphone Xiaomi non hanno quasi mai sofferto di problemi di autonomia e Mi 11 Lite non è da meno. La batteria da 4.250 mAh riesce a reggere per un’intera giornata con un utilizzo intenso. Nel nostro caso, con frequenza di aggiornamento a 90 Hz, lo abbiamo ricaricato sempre dopo circa 30 ore dall’ultima ricarica. Non manca il supporto alla ricarica rapida da 33W che permette di ricaricare lo smartphone in circa un’ora, un vantaggio non trascurabile.

mi 11 lite fotocamera

Il comparto fotografico, infine, presenta una configurazione “classica” per la fascia di prezzo di appartenenza. Il sensore principale è da 64 Megapixel, c’è poi il grandangolare da 8 Megapixel e un ultimo sensore da 5 Megapixel per gli scatti macro. Partiamo proprio da quest’ultimo che trovo sempre molto difficile da utilizzare in quanto bisogna trovare il punto esatto di messa a fuoco. Un’azione che porta così a perdere l’attimo. Gli scatti però risultano piacevoli in condizioni di ottima illuminazione. È meglio evitare invece quando cala la luce.

La fotocamera principale è in grado di tirare fuori degli scatti piacevoli, in linea con il segmento di appartenenza. Al calar del sole, subentra il solito rumore digitale e si perde qualche dettaglio, soprattutto con il grandangolare. C’è la modalità notte che – in alcune situazioni – migliora lo scatto. È sfruttabile con tutte le fotocamere, fatta eccezione per quella macro. Buoni anche gli scatti in modalità “ritratto”, ossia con fondo sfocato. Stesso discorso per la fotocamera anteriore da 20 Megapixel (buoni di giorno, migliorabili di notte).

I video possono essere registrati fino alla risoluzione 4K a 30 fps (fotogrammi per secondi) ma si fa sentire molto l’assenza di una stabilizzazione ottica.

Conclusioni

Pro: 

Contro: 

Mi 11 Lite 5G arriva con un prezzo di listino che parte da 449,90 euro: una cifra che non rappresenta esattamente il solito posizionamento aggressivo di Xiaomi. Tuttavia, le alternative in questa fascia di prezzo non sono tantissime. O meglio, la maggior parte sono a marchio Xiaomi. Pensiamo al POCO F3 o anche al Mi 10T Pro, smartphone che seppur presentato nel 2020 può dire ancora la sua. L’unica voce fuori dal coro, in questo momento, è il Galaxy A52 5G di Samsung che monta un processore che si posiziona un gradino più in basso.

La proposta di Xiaomi, inoltre, offre ciò che nessun altro concorrente può nella stessa fascia di prezzo: un corpo sottile, leggero ed elegante che non sacrifica le buone prestazioni e la soddisfacente autonomia.

Lucia Massaro
Lucia Massaro

Classe 1990, formazione umanistica, laureata in Traduzione Specialistica e una passione nascosta per la tecnologia. Sono la prova lampante che nella vita ognuno è l’artefice del proprio destino. Ho iniziato a giocare con il primo computer quando avevo appena imparato a leggere. Man mano abbandonavo la pesante enciclopedia cartacea per passare a Encarta, la più famosa enciclopedia multimediale prodotta da...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti