Seagate: un hard disk da 24 TB in arrivo nel 2021

Di Valerio Porcu 24 novembre 2020

Nella corsa a realizzare hard disk sempre più capienti la sfida tra i principali produttori riguarda principalmente il tipo di tecnologia adottata e i vantaggi che questa è in grado di portare in spazi di archiviazione sempre più grandi. Una delle principali aziende del settore, Seagate, conta di portare sul mercato entro l’anno prossimo un hard disk da 24 TB sfruttando la propria tecnologia HAMR.

Come riporta il sito Block & Files, infatti, l’azienda intende passare dai modelli 20 TB HAMR a quelli da 24 TB, saltando il passaggio intermedio da 22 TB. In futuro hard disk così capienti diventeranno sempre più diffusi man mano che le tecnologie verranno perfezionate e che i prezzi andranno abbassandosi. Nel settore dei computer casalinghi, al momento, gli hard disk dalle grandi dimensioni più diffusi si aggirano dai 4 TB in su, come il modello Seagate IronWolf da 6 TB e quello da 8 TB.  

Segate 20 TB

Il Seagate da 20 TB ha l’aspetto di una vera e propria torre.

Seagate ha spiegato che la tecnologia Heat Assisted Magnetic Recording (HAMR) permette essenzialmente di aumentare la quantità di spazio di archiviazione sfruttando il calore durante le fasi di scrittura dei dati sul disco. Questo permette di imagazinare un numero di dati maggiore in uno spazio più limitato. Al di là dell’utilizzo sui modelli da 24 TB non è escluso che in futuro questa possa essere implementata su hard disk di capienza più bassa come il Seagate IronWolf 12 TB  e il Seagate Exos X16 da 16 TB, permettendo di abbassare i prezzi di questi modelli.

Uno dei principali concorrenti nel settore, Western Digital ha scelto invece una tecnologia diversa per i propri hard disk preferendo lo standard MAMR che anche in questo caso riesce a spingere i modelli oltre i 20 TB con grande facilità. A differenza della tecnologia HAMR, quella di Western Digital non sfrutta il calore nelle fasi di lettura e scrittura. Soltanto con il tempo vedremo se e quale delle due tecnologie diventerà il nuovo standard.

Valerio Porcu
Valerio Porcu

Classe 1976, ha studiato elettronica e letteratura, con una specializzazione in didattica delle lingue. Grazie all’unione della formazione tecnica con quella umanistica, ha sviluppato uno sguardo critico e attento, e la capacità di osservare con attenzione e distacco lo sviluppo tecnologico, sia per i grandi salti evolutivi sia per i piccoli oggetti di uso quotidiano. Uno sguardo maturo che sa...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti