Video recensione Neato D8: l’aspirapolvere robot dalla forma a D si rinnova

Neato D8 è l'ultimo arrivato della famiglia Neato Robotics. Scopriamone le caratteristiche nella nostra video recensione.
Di Vittorio Pipia @TotoRacing92 23 luglio 2021
videorecensione neato d8

Neato Robotics è da sempre uno dei migliori brand per quanto riguarda il mercato degli aspirapolvere robot. Al contrario di molti competitor che adottano una forma circolare, l’azienda si contraddistingue per la particolare forma a D. Tale struttura consente al robot di avvicinarsi di più ai bordi, pulire meglio agli angoli e quindi risultare più efficace nei nostri appartamenti.

Oltre a ciò permette di inserire una spazzola più grande e dunque in grado di pulire una superficie più o meno grande con meno passaggi rispetto a un robot tradizionale. Il Neato D8 fa parte della nuova gamma 2020, che vedrà l’arrivo del Neato D9 e del D10 entro fine estate. Ecco quali sono le principali novità, come si comporta e chi dovrebbe acquistarlo.

Neato D8: design e funzioni

Nel caso del Neato D8 il design è strettamente correlato alla volontà di offrire la migliore prestazione possibile. Ovviamente il mercato degli aspirapolvere robot è cresciuto tantissimo e oggi scegliere quello più giusto per le proprie esigenze è molto difficile. Ci sono robot in grado di lavare, di svuotarsi da soli, ma spesso si va incontro ad alcuni compromessi, come per esempio spazzole più piccoli o applicazioni più complesse per chi non è avvezzo alla tecnologia.

Parte superiore Neato D8

Il Neato D8 ha una finitura spazzolata molto elegante.

Neato ha invece pensato di concentrarsi su due aspetti cruciali: efficacia della pulizia e facilità d’uso. L’installazione del robot necessita di pochi passaggi e viene illustrata in un volantino con un’infografica molto chiara che spiega passo passo i vari processi.

La parte superiore del robot integra un tasto “i”, che consente di procedere all’abbinamento con la rete Wi-Fi o di ripristinare il robot nel caso di errori, e un tasto “Play” che serve per avviare la pulizia. La torretta nella parte superiore è rastremata ai bordi, in modo da evitare che il robot possa incastrarsi sotto mobili o arredi sospesi. Nella parte laterale si nota la piccola spazzola rotante che permette di direzionare eventuale sporco verso il condotto di aspirazione.

Parte inferiore Neato D8

La parte inferiore nasconde la grande spazzola lunga ben 24 centimetri.

Una pratica maniglia consente poi di spostare il robot senza entrare a contatto con la polvere mentre la parte centrale si solleva e nasconde il capiente serbatoio per la polvere. Nella parte inferiore si trova la grande spazzola con una lunghezza di ben 27 centimetri, i sensori anticaduta e i contatti per la ricarica.

La base di ricarica è molto piccola e discreta e consente una facile installazione del robot in tutti i contesti.

L’applicazione MyNeato

Per utilizzare il Neato Robotics D8 nel pieno delle sue funzionalità è necessario scaricare la nuova applicazione MyNeato, disponibile sia per dispositivi Android che iOS. Ha un’interfaccia molto semplice e più intuitiva rispetto alla vecchia, compatibile invece con i robot Neato D7, D6 e D4.

Neato D8: l'applicazione MyNeato

Neato D8: l’applicazione MyNeato

Il menu principale consente di visionare la mappa creata e avviare la pulizia, oltre a poter selezionare la potenza di aspirazione tra le due disponibili (Eco e Turbo). L’utente può poi visionare la cronologia delle attività, in modo da monitorare sia lo stato di usura dei componenti principali (spazzole e filtri) e il tempo di utilizzo. C’è la possibilità di impostare i programmi di pulizia, in modo che il robot inizi a pulire rispettando ora e giorno selezionati dall’utente.

Il menu più interessante è quello relativo alle mappe. In questo caso si può interagire con la mappa creata dal laser posto nella parte superiore. Purtroppo non si possono dividere gli ambienti in modo da poter selezionare solo determinate stanze a seconda del ciclo di pulizia, ma si possono inserire le cosiddette “No-Go Zones”, ovvero delle zone dove il robot non deve pulire.

Al momento il robot aspirapolvere Neato D8 può memorizzare solo un piano, ma con un futuro aggiornamento ci sarà la possibilità di poter mappare più piani.

Neato D8: funziona bene?

Selezionate tutte le impostazioni è sufficiente aspettare la programmazione o premere sul pulsante di avvio (sul robot o tramite applicazione) per iniziare la pulizia. Il rumore prodotto è nella media e in generale non crea fastidio, anche se il robot viene avviato mentre siamo a casa.

Pulizia Neato D8

Il Neato D8 pulisce in maniera ottimale qualsiasi superficie, anche tappeti e parquet.

Durante le prime operazioni di pulizia potrebbe succedere che il Neato D8 possa perdersi o non ritornare alla base. È una fase di apprendimento dell’ambiente e sono fenomeni del tutto normale. Dopo i primi utilizzi viene creata però la mappa dell’ambiente e il robot diventa più preciso durante il funzionamento.

Attenzione però a chi non è troppo ordinato. La presenza di cavi sparsi, frange di tappeti e ostacoli potrebbero mettere a dura prova il Neato Robotics D8, che purtroppo non è dotato di alcuna tecnologia che gli consente di riconoscere eventuali piccoli oggetti sparsi.

Bisogna dunque preparare l’ambiente prima di avviarlo. Altri robot, come per esempio l’Ecovacs T8 Plus, sono dotati di speciali sensori che consentono il riconoscimento di piccoli oggetti. Il motore, soprattutto nella modalità Turbo assicura però un’elevata potenza e riesce ad aspirare in maniera accurata sporco e detriti, anche sui tappeti. Le grandi ruote consentono di superare ostacoli fino a due centimetri con facilità.

spazzola Neato D8

La spazzola consente di catturare anche i granelli più piccoli in pochi passaggi.

Rispetto ad altri robot il Neato D8 ha poi la capacità di pulire a pochi millimetri dagli spigoli e dagli angoli. Questo è un punto di forza notevole, soprattutto in ambienti con una suddivisione rigorosa degli spazi e dove tutti i mobili sono disposti in maniera piuttosto ordinata.

Lo spessore ridotto permette al robot di pulire anche sotto divani e materassi, a patto che ci sia un’altezza minima da terra di circa 11 centimetri.

La batteria integrata nel Neato D8 offre un’autonomia fino a 90 minuti, più che sufficiente per pulire la maggior parte degli appartamenti con grandezza di 100 metri quadrati. Nel caso la pulizia non venisse completata con una singola ricarica, il robot torna sulla base e riprende da dove si era interrotto per terminare la pulizia. In futuro dovrebbe arrivare anche la compatibilità con gli assistenti vocali Alexa e Google Assistant.

Conclusioni

Voto: 7

Il Neato D8 è senza ombra di dubbio un netto miglioramento rispetto alla gamma precedente di aspirapolvere Neato. Purtroppo però soffre al momento un prezzo abbastanza elevato (799 euro di listino, che però si sono abbassati a circa 600 euro con le varie offerte) e una concorrenza decisamente concorrenziale.

serbatoio polvere Neato D8

Il serbatoio per la polvere del Neato D8 ha una buona capienza ed è dotato di filtro HEPA.

Con lo stesso prezzo è infatti possibile acquistare dispositivi dotati di base autosvuotante, come l’iRobot Roomba i7+, mentre molti altri robot integrano un panno per il lavaggio dei pavimenti. Neato però offre una soluzione affidabile e solida in grado di pulire un’area di media grandezza con pochi passaggi e con un’applicazione alla portata di tutti. Con il tempo il prezzo potrebbe abbassarsi, come successo con il Neato D7, adesso spesso in offerta con un prezzo di circa 400 euro, e far diventare il Neato D8 un’alternativa più appetibile.

Vittorio Pipia
Vittorio Pipia

Nato nel 1992 ho sempre avuto una grande passione per i motori e per la tecnologia, passioni che ho poi sempre coltivato fino a farle diventare parte del mio lavoro. Da circa 6 anni provo, analizzo diversi prodotti delle più svariate categorie, dall’intrattenimento audio-visivo fino agli elettrodomestici passando per la domotica. Analisi che condivido poi online in diversi modi, con...Leggi tutto

Commenti

Francesco
23 luglio 2021, 4:03

Ciao Scusa ma tra le migliori offerte manca Indors.it che lo propone a 589

Rispondi
Valentina di Trovaprezzi
26 luglio 2021, 7:55

Buongiorno Francesco, le “migliori offerte” che si visualizzano nei caroselli sono ordinate per popolarità. In modalità desktop, passando il mouse sulla quarta offerta compare una freccia che porta ad altre offerte, tra cui quella indicata da lei. Su mobile, invece, basterà fare swipe sul carosello per visualizzare le altre offerte.
Buona giornata 🙂

Rispondi

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti