Tech 3 agosto 2020

Google Pixel Buds: ideali per chi usa Google Assistant

pixel buds copertina

Google ha presentato da poco le nuove Pixel Buds, auricolari true wireless tanto chiacchierati e tanto attesi. Ottime funzioni, buon audio ma soprattutto un’integrazione perfetta con Google Assistant potrebbero rendere le True Wireless perfette per chi ha Android.

La seconda generazione degli auricolari completamente senza fili del colosso di Mountain View è arrivata con un’autonomia di 5 ore, in diretta competizione non solo con le Apple AirPods, ma anche con altri modelli come le Jabra Elite 75t o le Huawei Freebuds 3.

 google pixel buds

Le Pixel Buds permettono di usare al meglio l’integrazione con Google Assistant.

C’è però un grande assente: manca la cancellazione attiva del rumore, ma d’altro canto ci sono alcune caratteristiche uniche che vi raccontiamo nella nostra recensione.

Design e materiali

Voto: 8,5/10

Le Google Pixel Buds si contraddistinguono per un look molto particolare, diverso se paragonato a quello di altri modelli disponibili sul mercato. L’accoppiamento con i dispositivi Android, come Samsung S20 o lo stesso Pixel 4, è molto semplice. È infatti sufficiente aprire la custodia vicino a uno smartphone Android per far si che gli auricolari vengano rilevati.

auricolari pixel buds

La superficie esterna dei Pixel Buds è sensibile al tocco.

Fatto ciò, si procede all’abbinamento e alla configurazione iniziale. L’assemblaggio è ottimo e la sensazione di qualità è percepibile ogni volta che si prendono in mano e si indossano.

L’autonomia residua viene indicata direttamente sullo smartphone Android e grazie all’assistente vocale è possibile abilitare tante funzioni tra cui anche la traduzione simultanea.

Comfort e uso

Voto: 8/10

Nonostante un design che sembra molto ergonomico con apposite alette di tenuta per migliorare comfort e stabilità, indossare le Pixel Buds per diverse ore potrebbe essere difficoltoso. Creano infatti un po’ di pressione all’interno delle orecchie e di tanto in tanto è necessario toglierle per riposare un po’.

Una sensazione che dipende probabilmente dal design meno spinto rispetto ad altre alternative come le Jabra Elite 75t.

ergonomia pixel buds

L’ergonomia è un pò strana: non sono adatte a utilizzi prolungati.

Tra le funzioni che abbiamo maggiormente apprezzato c’è l’audio adattivo: gli auricolari sono infatti in grado di adattare il volume di ascolto a seconda dei rumori esterni. Se siamo in una biblioteca il volume sarà basso, se siamo in stazione all’ora di punta il volume verrà alzato in modo da permettere un ascolto ottimale.

L’assistente vocale permette poi di abilitare la lettura delle notifiche, degli avvisi e degli appuntamenti in calendario e tanto altro ancora.

Qualità audio

Voto: 8/10

La qualità audio è molto buona ma non raggiunge il livello di auricolari di fascia molto alta come le Sennheiser Momentum True Wireless 2. L’ascolto è comunque godibile e anche i bassi sono ben riprodotti, insieme alle altre frequenza. Solamente i medi hanno qualche caduta di tanto in tanto, caratteristica che comunque non comporta problemi nell’uso quotidiano. Solo i più attenti saranno infatti in grado di percepire questa piccola mancanza.

Custodia Google Pixel Buds

Pixel Buds hanno una custodia un pò grande e non sono comodissime da portare in tasca.

I microfoni sono ottimi per le chiamate: nessuno dei tanti interlocutori ha avuto da ridire per quanto riguarda la qualità della nostra voce.

Autonomia

Voto: 8/10

Su una singola ricarica le Pixel Buds offrono una durata di cinque ore, a cui si aggiungono altre 19 ore con la batteria integrata nella custodia. Molto buona, anche se alla pari con buona parte dei competitor.

Pixel buds autonomia

La custodia dei Pixel Buds offre 19 ore di autonomia aggiuntiva e si ricarica anche tramite wireless.

C’era da aspettarsi un’autonomia maggiore dalla custodia, più grande rispetto ad altre alternative. È però presente la ricarica rapida e soprattutto la possibilità di caricare gli auricolari anche tramite ricarica wireless.

Conclusioni

Voto: 8/10

Le Pixel Buds sono gli auricolari perfetti per chi cerca un utilizzo “senza mani” con un’integrazione ottimale con Google Assistant e tutte le funzioni legate. Se invece cercate un paio di auricolari più indicato per lo sport, meglio optare per le Jabra Elite 75t, mentre se puntate alla massima qualità audio, le Sennheiser Momentum True Wireless 2 non hanno rivali.

Vittorio Pipia
Vittorio Pipia

Nato nel 1992 ho sempre avuto una grande passione per i motori e per la tecnologia, passioni che ho poi sempre coltivato fino a farle diventare parte del mio lavoro. Da circa 4 anni provo, analizzo diversi prodotti delle più svariate categorie, dall’intrattenimento audio-visivo fino agli elettrodomestici passando per la domotica. Analisi che condivido poi online in diversi modi, con...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

Bose QuietComfort Earbuds
Tech 11 settembre 2020

Bose QuietComfort Earbuds: riduzione del rumore sui nuovi auricolari true wireless

Bose ha annunciato alcune novità: si tratta di due nuovi auricolari e tre nuovi varianti dei Bose Frames, i curiosi occhiali con connessione Bluetooth che ci fanno parlare al telefono tramite la

Auricolari True Wireless
Tech 7 settembre 2020

Perché dovreste comprare auricolari True Wireless con ANC invece di quelli normali

Molti smartphone hanno un paio di auricolari inclusi nella confezione, ma nella maggior parte dei casi (tutti i casi in effetti) non sono auricolari di buona qualità, e vanno bene per qualche chiamata

Galaxy Buds Live
Tech 28 agosto 2020

Samsung Galaxy Buds Live: true wireless dalla buona autonomia

I Samsung Galaxy Buds Live sono i più recenti auricolari true wireless del colosso sudcoreano e l’evoluzione dei Samsung Galaxy Buds Plus, usciti meno di un anno fa. Hanno la riduzione del rumore attiva, il