Il motore di ricerca per i tuoi acquisti
Menu

Che cos’è la ricarica wireless?

La ricarica wireless permette di caricare un dispositivo compatibile senza fili, utilizzando una basetta di ricarica collegata alla corrente elettrica
Di Lucia Massaro Aggiornato il 9 novembre 2022
cos'è la ricarica wireless

La maggior parte degli smartphone di fascia alta, ma anche smartwatch e auricolari wireless, oggi godono del supporto alla ricarica wireless. È il caso dei nuovi iPhone 14, dei top di gamma Galaxy S22 e Xiaomi 12, ma anche degli auricolari FreeBuds 4 o AirPods Pro 2, oppure dell’Apple Watch Serie 8. Insomma, è una tecnologia che si è diffusa a macchia d’olio e che probabilmente in futuro sostituirà la classica ricarica via cavo.

La ricarica wireless permette di ricaricare un dispositivo compatibile senza fili, utilizzando semplicemente una basetta di ricarica collegata alla corrente elettrica.

Come funziona?

La ricarica wireless si basa sul principio dell’induzione elettromagnetica. Per intenderci, è analogo a quello sfruttato dai piani di cottura a induzione che stanno cominciando a spopolare nelle cucine. In pratica, la basetta – collegata via cavo alla corrente elettrica – integra una bobina di trasmissione che invia un segnale. Quest’ultimo viene rilevato da una bobina di ricezione presente all’interno dello smartphone o del dispositivo compatibile, generando un campo magnetico che viene sfruttato per ricaricare la batteria.

La basetta e il dispositivo da ricaricare devono essere a contatto o comunque non devono essere a più di qualche mm di distanza. Inoltre, è necessario che le due bobine siano allineate affinché venga stabilita la connessione.

smartphone con ricarica wireless

Lo standard di riferimento nel settore è Qi, sviluppato dal Wireless Power Consortium. La certificazione Qi garantisce che i dispositivi siano sicuri e che ci sia interoperabilità. Tutti i prodotti certificati Qi possono funzionare insieme indipendentemente dal produttore, dal paese di origine, dalla versione dello standard utilizzato o da altri fattori.

Quindi, per esempio, potrete ricaricare il vostro nuovo smartphone Samsung su un caricatore prodotto da Huawei. Secondo il Wireless Power Consortium, sono oltre 3.700 i prodotti certificati presenti oggi sul mercato.

Quanto ai dispositivi Apple tutti gli smartphone della Mela dispongono di una funzione di ricarica wireless a partire da iPhone 8. Con iPhone 12, è stato introdotto anche il caricabatteria MagSafe che porta la ricarica wireless fino a 15W.

Vantaggi e svantaggi

Il grande vantaggio dei caricatori wireless è la praticità. Immaginate di dover ricaricare il vostro cellulare. I passaggi sono: cercare il caricabatteria (che chissà dove è stato lasciato l’ultima volta), attaccarlo alla presa, collegare lo smartphone. Magari avete anche bisogno di averlo sott’occhio perché state aspettando una telefonata importante e quindi bisogna anche cercare la presa di corrente più vicina.

La connessione a un caricabatteria wireless invece è immediata, veloce. Il passaggio è solo uno. Basta poggiare semplicemente il dispositivo da ricaricare sulla basetta e il gioco è fatto. Niente più cavi in giro. Nulla vieta poi di posizionare più caricatori in diversi punti della casa e anche in auto, per averli sempre a portata di mano.

Lo svantaggio è la velocità. La ricarica via cavo è sempre più veloce. I caricatori wireless – che ora erogano una potenza da 5W a 15W – possono impiegare anche il doppio del tempo. Certo, esiste la ricarica rapida wireless ma non raggiunge i livelli di quella tradizionale e bisogna anche assicurarsi che ci sia compatibilità con i dispositivi da ricaricare.

Vi starete chiedendo se le basette di ricarica wireless siano sicure. Sì. Perché il segnale emesso non riesce ad estendersi nell’ambiente circostante. Motivo per cui il caricatore e il dispositivo devono stare a stretto contatto per stabilire una connessione. Il consiglio però è sempre quello scegliere prodotti di qualità e che abbiano ottenuto la certificazione Qi.

smartwatch ricarica wireless

Dispositivi compatibili

I prodotti elettronici che supportano la ricarica wireless sono tanti: smartphone, smartwatch, tablet, auricolari true wireless.

Smartphone con ricarica wireless

La ricarica wireless è ormai presente su tutti gli smartphone di fascia alta, mentre è assente sugli smartphone più economici per ovvi motivi: la tecnologia di ricarica wireless ha un costo che farebbe alzare il prezzo di vendita, portando prodotti di fascia bassa su un livello superiore.
Tra i migliori smartphone con ricarica wireless, troviamo i nuovi iPhone 14, tutta la gamma Galaxy S22, Motorola Edge 30 Pro e Edge 30 Ultra, Xiaomi 12 e Xiaomi 12 Pro, OnePlus 10 Pro, Find X5 Pro, Pixel 7.

Smartwatch con ricarica wireless

Anche nel mercato smartwatch sono diversi i produttori che prevedono device top di gamma caricabili wireless. In testa ovviamente troviamo Apple con Apple Watch Series 8, ma la lista è davvero lunga: Galaxy Watch 5, Huawei Watch GT3 e Garmin Fenix 7 sono solo degli esempi.

Auricolari e cuffie con ricarica wireless

Anche la lista degli auricolari e cuffie con ricarica wireless può essere molto lunga. I brand sono quasi sempre gli stessi: Apple con gli AirPods e AirPods Max, Samsung con i Galaxy Buds2 Pro e Galaxy Buds2, Huawei con i FreeBuds 4. I modelli sono davvero tanti, per cui vi consigliamo di leggere le schede tecniche ogni qualvolta individuate un modello di vostro interesse.

Lucia Massaro
Lucia Massaro

Classe 1990, formazione umanistica, laureata in Traduzione Specialistica e una passione nascosta per la tecnologia. Sono la prova lampante che nella vita ognuno è l’artefice del proprio destino. Ho iniziato a giocare con il primo computer quando avevo appena imparato a leggere. Man mano abbandonavo la pesante enciclopedia cartacea per passare a Encarta, la più famosa enciclopedia multimediale prodotta da...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

Torna su