Integratori per capelli: scegliamo quelli più efficaci

La perdita di capelli può essere arginata con trattamenti cosmetici adeguati e ricorrendo ad integratori alimentari specifici.
Di Karen Angelucci 15 ottobre 2021
integratori per capelli

Sono molte le alterazioni che possono minare il benessere dei capelli; caduta, doppie punte e perdita di lucidità possono verificarsi per differenti cause o in relazione a specifiche stagioni. In autunno, ad esempio, queste problematiche sono accentuate non solo dal repentino cambio di temperature ma anche dai forti stress che la chioma ha subito nel corso dell’estate. Una perdita di capelli si potrebbe manifestare anche per oscillazioni ormonali, in seguito a periodi particolarmente stressanti, a una dieta non equilibrata o a disturbi del sonno. Per correre ai ripari oltre che mangiare in maniera sana e seguire dei trattamenti specifici sotto forma di fiale e shampoo, si può far ricorso a integratori alimentari da assumere per bocca, che apportano all’organismo sostanze come vitamine e sali minerali che sono indispensabili per la crescita dei capelli.

Cerchiamo di rispondere alle domande più frequenti legate agli integratori utili per contrastare la perdita di capelli.

Quali sono i migliori integratori per capelli?

I capelli sono costituiti per la maggior parte da proteine, tra cui la cheratina, che è una molecola ricca di amminoacidi contenenti zolfo che creano dei ponti con le strutture vicine e donano resistenza. La restante parte (circa il 35-20%) è formata da acqua, lipidi, sali minerali e melanina. Quest’ultima, presente anche nella pelle, serve per dare colore e si distingue in due tipi: l’eumelanina, che si trova nel fusto e sotto la cuticola di chi ha la chioma scura, e la feomelanina si concentra in soggetti biondi o rossi. I lipidi che si trovano sul cuoio capelluto sono principalmente quelli prodotti dalle ghiandole sebacee, quindi, trigliceridi e cere la cui funzione è quella di proteggere le strutture capillari. Anche il colesterolo è indispensabile, infatti una sua mancanza può portare un’alterazione della cheratinizzazione. L’ultima costituente del capello è costituita dai sali minerali, quelli indispensabili sono:

Gli integratori atti al benessere dei capelli, quindi, normalmente, apportano al corpo aminoacidi, oligoelementi e lipidi, e i migliori in tal senso sono quelli addizionati anche di estratti naturali che rafforzano il fusto o stimolano la crescita.

i migliori integratori per contrastare la caduta dei capelli

Bioscalin Physiogenina Compresse

Giuliani Bioscalin Physiogenina Compresse contiene melanina, selenio, rame e concentrato di semi di vite e foglie di olivo, molecole con effetti antiossidanti. L’azienda Giuliani produce anche una versione del prodotto ideata appositamente per l’uomo, Bioscalin Energy Capelli Uomo Compresse, in cui sono presenti caffeina e carnitina che favoriscono l’allungamento della chioma.

Phytophanere

Phyto Phytophanere è formulato per rinforzare non solo capelli ma pure cute e unghie. Esso oltre a migliorare il trofismo dei bulbi ottimizza l’aspetto dei fusti, rendendoli più lucidi e pieni, grazie all’olio di borragine e all’estratto di acerola.

Cystiphane Integratore

Cystiphane Integratore 120 compresse è un integratore a base di cistina, un aminoacido solforato di origine vegetale, a cui sono associati arginina e zinco, che oltre a stimolare la produzione di melanina è anche un ottimo antiossidante; per potenziarne l’effetto può essere usato insieme allo shampoo anticaduta del medesimo brand.

Bioscalin Tricoage

Anche alterazioni ormonali possono determinare un indebolimento della chioma che si presentano sia nell’uomo che nella donna, in quest’ultima sono frequenti durante la pubertà, nella menopausa o quando si assumono contraccettivi orali. Infatti, sul cuoio capelluto si trovano vari enzimi che metabolizzano ormoni sessuali, soprattutto il testosterone, dando origine a molecole che favoriscono la caduta di capelli. Giuliani Bioscalin Tricoage 45+, ideato per le donne in menopausa, contiene BioEquolo, un complesso a base di soia fermentata, che, a sua volta, annovera isoflavoni. Questi ultimi mimano l’effetto degli estrogeni, quindi stimolano la ricrescita del capello.

Quali vitamine mancano quando cadono i capelli?

Oltre alle costituenti del capello stesso, analizzate sopra, per migliorare l’aspetto della chioma si devono bilanciare le vitamine, infatti, una carenza o un eccesso potrebbe determinare un’alterazione della struttura. Di solito si parla di accumulo per quelle liposolubili perché, grazie alle loro proprietà, possono essere stoccare nel fegato; un esempio è la vitamina A: se supera le 10.000 UI al giorno può creare tossicità che si manifesta anche con la caduta dei capelli.

Normalmente, però, alterazioni della chioma si presentano in seguito a carenze vitaminiche dovute a una dieta squilibrata. In questo caso si possono utilizzare integratori come Swisse Capelli Forti Donna Compresse, che tra gli ingredienti annovera anche vitamine. Le vitamine più importanti da questo punto di vista sono quelle del gruppo B, nello specifico si tratta di:

Quando assumere integratori per capelli e per quanto tempo?

Una cura a base di integratori per migliorare il benessere della chioma può essere iniziata prima o dopo dell’estate per prevenire o arginare la perdita dei capelli che si verifica massicciamente in autunno. In alternativa si può avviare il trattamento nei primi mesi dell’anno, per essere preparati all’arrivo del caldo, un altro fattore di stress per la capigliatura.

L’assunzione dovrebbe durare non meno di 90 giorni, cioè 3 mesi, periodo di tempo oltre il quale si possono vedere dei risultati concreti. In seguito, bisognerebbe fare una pausa di almeno due mesi e poi procedere con un nuovo ciclo della stessa durata del primo. Si consiglia, però, di leggere sempre il foglietto illustrativo dell’integratore, che fornisce indicazioni specifiche per i singoli prodotti.

Se, dopo varie settimane di somministrazione, non si ottengono risultati tangibili occorre rivolgersi al proprio medico con il fine di indagare sulle cause del problema che, evidentemente, non sono legate a carenze alimentari. Tale consulto dovrebbe essere fatto anche nel caso si stiano assumendo altri integratori o farmaci per curare patologie croniche con il fine di scongiurare interazioni.

Parallelamente all’uso di tali prodotti si può decidere di modificare lo stile di vita, ad esempio facendo una dieta più ricca di frutta e verdura, eliminando dalla propria routine di bellezza trattamenti aggressivi per la cura della chioma e scegliendo dei metodi di asciugatura più soft, che non usino un calore eccessivamente spinto.

Fonti

A Double-blind, Placebo-controlled Study Evaluating the Efficacy of an Oral Supplement in Women with Self-perceived Thinning Hair di Ablon Glynis

The Role of Vitamins and Minerals in Hair Loss: A Review di Hind M. Almohanna, Azhar A. Ahmed, John P. Tsatalis eAntonella Tosti

Karen Angelucci
Karen Angelucci

Sono una farmacista e una creatrice di contenuti nell’ambito salute e benessere. Fin da bambina ho sempre amato la scrittura, riempiendo fogli su fogli con le mie storie, in seguito ho ottenuto un diploma Classico, che è stata una scelta naturale, vista la mia passione di raccontare e descrivere ciò che avevo intorno.

Quando si è trattato di scegliere un percorso...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti