Multivitaminici o per la memoria: quali sono gli integratori più adatti per gli anziani?

Per mantenere il corpo in salute dopo i 65 anni si dovrebbe seguire un corretto stile di vita e assumere integratori alimentari specifici.
Di Karen Angelucci 20 ottobre 2021
i migliori integratori per anziani

L’invecchiamento è un processo di decadimento del tutto naturale che si manifesta con il progredire dell’età. La proliferazione cellulare risulta meno efficiente e, di conseguenza, c’è una perdita di attività dei tessuti e degli organi e in questo periodo della vita si potrebbero presentare difficoltà nei movimenti, raggrinzimento della cute e alterazioni della memoria. Per mantenere il corpo in salute anche durante la vecchiaia si dovrebbe seguire un corretto stile di vita che preveda movimento e una dieta varia oltre a ricorrere all’utilizzo di integratori alimentari specifici. Questi contengono sostanze che aiutano a coprire il fabbisogno nutrizionale, spesso si tratta di sali minerali e vitamine, associate a molecole che fungono da veri e propri ricostituenti per il fisico.

Quali integratori prendere dopo i 65 anni?

Non tutti sono concordi che i 65 anni determinano la soglia della vecchiaia, la Società Italiana di Geriatria e Gerontologia trova più adeguato, relativamente alla lunghezza della vita media attuale, catalogare gli over 75 come anziani, dagli 85 anni, invece, si utilizza la dicitura “grandi vecchi”. Indipendentemente dalle definizioni è importante capire gli ambiti corporei che, con l’avanzare dell’età, possono avere bisogno di sostegno. I 65 anni sono uno spartiacque, un momento della vita in cui ci si avvicina alla vecchiaia ed è proprio in questo momento che bisogna agire per prevenire decadimenti. Nello specifico occorrerebbe prendersi cura dei muscoli seguendo una dieta corretta, che apporti almeno il 15% di proteine, e praticare attività fisica costante, con lunghe passeggiate o ginnastica dolce. A ciò si potrebbe affiancare un integratore, come Biofutura Carnidyn Plus 20 bustine, che si oppone alla spossatezza, all’affaticamento e alla sonnolenza diurna.

Per preservare i vasi sanguigni, indispensabili per l’ossigenazione e il nutrimento dei tessuti, si possono impiegare integratori a base di flavonoidi, composti fenolici derivanti dal metabolismo secondario delle piante. Quelli più utili in tal senso sono la rutina e la quercetina, presente in Solgar Quercitina Complex 50 capsule, che hanno effetti antinfiammatori e vasoprotettori.

Occorre agire anche riducendo la produzione di radicali liberi, specie che si generano come scarto di alcune reazioni corporee. Questi, in situazioni normali, vengono inattivati da molecole presenti nell’organismo; qualora ne vengano generati in eccesso, però, potrebbero essere pericolosi in quanto reagiscono in modo incontrollato con le strutture cellulari, determinando invecchiamento precoce e la comparsa di malattie neurodegenerative come Parkinson e Alzheimer. La papaya fermentata, contenuta in Named Immun’Age Bustine, può essere un valido alleato in tal senso perché previene i danni ossidativi.

Quali integratori sono adatti per gli anziani?

Gli integratori per anziani dovrebbero essere scelti con cura in base allo stato di salute della persona e alle sue carenze nutrizionali. A volte è utile un consulto medico, soprattutto se si seguono terapie farmacologiche continuative o si hanno malattie croniche, questo perché alcuni di questi preparati potrebbero interferire con i medicinali, diminuendone o aumentandone l’efficacia.

In linea di massima le problematiche a cui si deve fare fronte durante la vecchiaia sono alterazioni della memoria, scarsezza di energia e mancanza di nutrienti che non vengono forniti al corpo con la dieta. Una cattiva alimentazione può essere causata da dimenticanze o da una spesa sbagliata, in cui si selezionano cibi che non apportano al fisico le sostanze che necessita. Diversi studi hanno dimostrato che la somministrazione di integratori alimentari ha migliorato visibilmente lo stile di vita degli anziani, non soltanto relativamente a peso corporeo o circonferenze, ma anche riguardo all’umore e alla forza fisica. I soggetti sottoposti allo studio, dopo 4 mesi di integrazione, erano più attivi sia fisicamente che mentalmente e passavano meno tempo a letto.

integratori per anziani

Qual è il miglior integratore multivitaminico?

Le sostanze maggiormente carenti in soggetti anziani sono le vitamine A, B6, B9, E, zinco e magnesio. Per raggiungere facilmente il fabbisogno medio stimato di tutti questi nutrienti si può usare un integratore multivitaminico, sul mercato ne esistono differenti, bilanciati appositamente per far fronte alle carenze di una determinata fascia d’età. Ad esempio Marco Viti Massigen Over 60 10 flaconcini apporta al fisico eleuterococco, dalle proprietà tonico-adattogene, vitamina PP e B12, che contrastano l’affaticamento, e creatinina, indispensabile per il metabolismo degli acidi grassi.

Quando si scelgono i multivitaminici, oltre che selezionare la fascia di età, occorre considerare anche il sesso della persona che li assumerà in quanto uomini e donne necessitano di differenti sostanze. Ad esempio Multicentrum Donna 50+ Compresse è formulato per sostenere il corpo in seguito alla menopausa, periodo della vita in cui si determina una diminuzione della densità ossea, un calo della concentrazione e un aumento dell’irritabilità umorale. Multicentrum Uomo 50+ Compresse, invece, supporta il fisico fornendo una maggior quantità di vitamina B2 e B3, indispensabili nei processi energetici, perché nel sesso maschile il metabolismo basale è più elevato. A questi si aggiunge il magnesio, che si prende cura dei muscoli, e altri attivi che proteggono le funzionalità cardiache.

Qual è il miglior integratore per la memoria?

I migliori integratori per la memoria sono quelli che contengono:

Dopo i 60 anni è normale far fatica a concentrarsi e, occasionalmente, avere delle dimenticanze, ciò è dovuto al naturale deterioramento dei tessuti, tra cui sono comprese anche le cellule cerebrali. Sono considerate normali piccole alterazioni del comportamento davanti a una situazione nota, l’oblio relativamente ad alcune parole e la confusione sul periodo che si sta vivendo. I ricordi che spesso vengono compromessi sono quelli a breve termine, mentre rimangono vividi quelli dell’infanzia o della giovinezza. Per far fronte a questa situazione si possono usare delle strategie preventive, come assumere integratori specifici, consumare alimenti ricchi di antiossidanti che si oppongono a un eccessivo sviluppo di radicali liberi, praticare attività fisica costante che favorisce l’ossigenazione dei del cervello e dedicarsi a hobby e relazioni sociali che mantengono la mente attiva.

Quando va preso Meritene?

Nestlé Meritene Forza e Vitalità è un formulato a base di proteine, vitamine e sali minerali facile da ingerire in quanto si tratta di una bevanda da preparare o già pronta che deve essere semplicemente deglutita. Si usa Meritene in caso di inappetenza, dimagrimento eccessivo, malattie e interventi chirurgici, per evitare che il corpo possa debilitarsi. Oltre che la versione aromatizzata si può scegliere quella neutra da aggiungere ai normali pasti. In commercio ne esistono differenti varianti che supportano altre problematiche che spesso colpiscono gli anziani, ad esempio la versione fibre favorisce la regolarità intestinale, mentre Meritene Mobilis si prende cura dei muscoli e delle ossa che potrebbero dare dolore o creare una sensazione di rigidità, infatti è arricchito di acido ialuronico e collagene. Nestlé Meritene Proactive coadiuva invece la funzione tiroidea perché annovera selenio e, contemporaneamente, rende pelle e capelli più belli in quanto è addizionato di biotina e zinco.

Fonti:

Quanto si diventa anziani?” Società Italiana di Geriatria e Gerontologia

Benefits of nutritional supplementation in free-living, frail, undernourished elderly people: a prospective randomized community trial” diHélène Payette, Véronique Boutier, Carole Coulombe, Katherine Gray-Donald

Older adults who use vitamin/mineral supplements differ from nonusers in nutrient intake adequacy and dietary attitudes” di Rhonda S. Sebastian, Linda E. Cleveland, Joseph D. Goldman, Alanna J. Moshfegh

Karen Angelucci
Karen Angelucci

Sono una farmacista e una creatrice di contenuti nell’ambito salute e benessere. Fin da bambina ho sempre amato la scrittura, riempiendo fogli su fogli con le mie storie, in seguito ho ottenuto un diploma Classico, che è stata una scelta naturale, vista la mia passione di raccontare e descrivere ciò che avevo intorno.

Quando si è trattato di scegliere un percorso...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti