Tech 13 ottobre 2019

Recensione Xiaomi Mi A3: ottimo smartphone economico

Xiaomi Mi A3

Lo Xiaomi Mi A3 è l’erede dell’apprezzato Xiaomi Mi A2, uno smartphone che ha trovato il successo grazie a un eccellente rapporto qualità/prezzo e al sistema operativo Android One, che garantisce stabilità, facilità d’uso e aggiornamenti a lungo termine. Con la terza generazione questo smartphone guadagna una scheda tecnica di tutto rispetto, che ne aumenta ulteriormente la qualità generale senza alzare il prezzo. C’è ancora qualche mancanza, ma considerato il prezzo sono piccoli difetti perdonabili.

Anzi, nonostante qualche lacuna lo smartphone Xiaomi Mi A3 si può tranquillamente considerare uno tra i migliori smartphone economici, e una delle poche alternative a un’altro modello della casa asiatica, vale a dire l’eccellente Redmi Note 7, anch’esso rintracciabile a meno di 200 euro.

smartphone xiaomi-mi-a3

Design e schermo

Voto: 8/10

Lo Xiaomi Mi A3 è abbastanza compatto da potersi usare con una sola mano, il che al giorno d’oggi non è poco; almeno di tanto in tanto, comunque, preferirete usare entrambe le mani, ma senza dubbio è comodo da tenere in tasca o nel borsello.

Dal punto di vista del design non c’è nulla da segnalare: si può dire che il Mi A3 ha un design ordinario, ma non per questo è brutto. Semplicemente non brilla per eleganza o innovazione progettuale. C’è un piccolo notch a goccia,una tripla fotocamera posteriore organizzata in verticale, jack audio da 3,5 mm e niente impermeabilità (ma è impossibile averla a questi prezzi).

xiaomi-mi-a3-smartphone

Uno degli aspetti notevoli, per non dire impressionanti, è che questo smartphone ha uno schermo AMOLED da 6,01”. La risoluzione è abbastanza ridotta, 720×1.560 pixel, ma in ogni caso è sorprendente avere uno schermo del genere a meno di 200 euro. A tal proposito però vale la pena di ricordare che il prezzo di listino è 249 euro, e che quello reale è fortunatamente molto più basso. Il che rende ancora più sorprendente la presenza di un pannello AMOLED, sebbene la risoluzione non arrivi al Full hd.

Prestazioni

Voto: 8/10

All’interno dello Xiaomi Mi A3 c’è il processore Qualcomm Snapdragon 655, con 4GB di RAM e 64GB di memoria per l’archiviazione, espandibili tramite microSD. Nell’insieme le prestazioni sono molto buone, eccellenti se rapportate al prezzo. Questo smartphone può fare di tutto, anche se magari non velocemente quanto un top di gamma. Nessun problema anche con i videogiochi.

cellulare xiaomi-mi-a3

Batteria

Voto: 10/10

Lo Xiaomi Mi A3 ha una batteria piuttosto grande, da ben 4.030 mAh, è si è dimostrato capace di resistere fino a due giorni con un utilizzo medio-intenso. Un risultato davvero ammirevole, in un mondo dove gli smartphone più lussuosi e costosi normalmente riescono a fare un solo giorno lontani da una presa di corrente.

In caso di necessità comunque c’è la ricarica rapida a 18W, che permette di caricare la batteria in una manciata di minuti.

Fotografia

Voto: 8/10

Lo Xiaomi Mi A3 ha una tripla fotocamera posteriore simile in parte a quella dello Xiaomi Mi 9. Sensore principale da 48MP (f/1.7), ultragrandangolo da 8MP (f/2.2) e sensore di profondità da 2MP (f/2.4). Frontalmente abbiamo invece un sensore da 32MP con un obiettivo f/2.0, inserito del notch a goccia.

Di giorno questo telefono se la cava davvero molto bene, ed è in grado di generare immagini convincenti e piacevoli. Anche di sera non è male, ma le difficoltà si notano e diventa chiara la differenza con un top di gamma.

Interessante la possibilità di registrare video 4K oppure in slow motion, anche se “solo” a 120FPS.

Conclusioni

Voto: 9/10

Pro

Contro

Lo Xiaomi Mi A3 conferma ancora una volta quanto Xiaomi sia capace di fare smartphone con un eccellente rapporto qualità prezzo. Già al prezzo di listino (249 euro) sarebbe un’ottima proposta, ma di fatto questo smartphone si trova senza problemi a meno di 200 euro.

A quel prezzo faticherete molto a trovare uno schermo AMOLED, 4GB di RAM e 64GB di memoria.  Per non citare un’autonomia sopra la media e prestazioni fotografiche di tutto rispetto. Ciliegina sulla torta, il sistema operativo Android One forse non è raffinato come quello degli altri Xiaomi, ma gli aggiornamenti sono garantiti, così come la prossima versione di Android.

Valerio Porcu
Valerio Porcu

Classe 1976, ha studiato elettronica e letteratura, con una specializzazione in didattica delle lingue. Grazie all’unione della formazione tecnica con quella umanistica, ha sviluppato uno sguardo critico e attento, e la capacità di osservare con attenzione e distacco lo sviluppo tecnologico, sia per i grandi salti evolutivi sia per i piccoli oggetti di uso quotidiano. Uno sguardo maturo che sa...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

Borderlands 3
Tech 8 novembre 2019

Recensione Borderlands 3

Borderlands 3 è il più recente in una serie di videogiochi nata nel 2009 con il primo Borderlands, a cui hanno fatto seguito, nel tempo, Borderlands 2 (2012) e Borderlands: The Pre-Sequel

NC 700 copertina
Tech 3 novembre 2019

Recensione Bose Noise Cancelling 700: cuffie over-ear top di gamma

Bose ha rinnovato le sue cuffie di punta con riduzione attiva del rumore, ovvero le QuietComfort 35 II, con le nuovissime Bose NC 700, dove NC significa per l’appunto noise cancelling. Un

Tech 27 ottobre 2019

Recensione LG WK7 ThinQ: smart speaker dal design classico

L’altoparlante LG WK7 ThinQ è uno smart speaker di LG dal design classico, vale a dire di forma cilindrica. Pensato per essere posizionato in salotto o in altre ambienti domestici, è realizzato