Tech 26 ottobre 2020

Recensione iPhone 12 Pro: uno smartphone premium sotto ogni punto di vista

iPhone 12 Pro copertina

iPhone 12 Pro è il secondo modello della nuova serie di smartphone Apple a essere immesso sul mercato. Lo smartphone ripropone infatti tutte le caratteristiche della versione base elevandole in un formato premium soprattutto grazie ad alcune scelte di design e un sensore in più nella fotocamera. Rispetto al modello Pro Max, invece, questa versione di iPhone 12 si differenzia per dimensioni, schermo e caratteristiche della fotocamera con specifiche tecniche leggermente inferiori.

iPhone 12 Pro è disponibile in tre configurazioni ovvero 128, 256 e 512 GB. Le colorazioni, alcune delle quali conferiscono un aspetto più elegante, sono grafite, argento, oro e blu pacifico. Il prezzo è di 1.189 euro per la configurazione base, di 1.309 euro per quella intermedia e di 1.539 euro per quella con lo spazio di archiviazione massimo. Ma quali sono le differenze tra questo modello e l’Iphone 11 Pro? E perché scegliere questa versione e non quella base? In questo articolo tenteremo di trovare tutte le risposte.

iPhone 12 Pro

Design

Voto: 8/10

L’aspetto dell’iPhone 12 Pro mantiene tutti i tratti della versione base. Ritroviamo dunque la forma squadrata in combinazione con uno schermo piatto e una maggiore spigolosità del design rispetto alle linee curve e in generale più arrotondate che si erano viste sui modelli precedenti.

Proprio come l’iPhone 12 rispetto al precedente modello, anche la versione Pro non si discosta troppo dalla sua controparte della serie 11 in termini di scelte di design. Lo smartphone ha una larghezza di 71,5 millimetri, un’altezza di 146,7 mm e uno spessore di 7,4 mm. Il peso è invece di 187 grammi, quasi identico a quello del suo predecessore, rispetto al quale l’iPhone 12 Pro guadagna comunque qualche punto in altezza.

Il materiale Ceramic Shield usato per lo schermo della versione base riesce a garantire una maggiore resistenza agli urti, anche se è nella scocca e nella parte posteriore che si trovano le maggiori differenze. Lo scheletro dello smartphone è infatti realizzato in acciaio inossidabile (a differenza dell’alluminio del modello base e del Mini) e il retro è in vetro opaco. A livello di design questo è il tratto più distintivo di iPhone 12 Pro rispetto agli altri.

Questo modello ha inoltre una certificazione IP68 per l’impermeabilità e questo significa che può resistere a immersioni più profonde e più prolungate rispetto ai modelli delle serie precedenti. Lo schema di pulsanti è quello di sempre con i tasti dedicati alla regolazione del volume sul lato destro e quello di accensione posto sul lato sinistro.

Nel complesso, il nuovo design rende questo modello maneggevole quanto l’iPhone 11 Pro ma la presenza di tasti più pronunciati rende più semplice raggiungerli. Inoltre il vantaggio di questo modello rispetto all’iPhone 12 è che l’aspetto appare come maggiormente professionale grazie a una scelta di colori scuri più ampia rispetto all’altro modello come oro, grafite, argento e una variante del blu definita Blu Pacifico.

Nella parte inferiore, accanto a due altoparlanti e a un microfono presenti anche nella parte superiore, c’è la porta Lightning che con il cavo in dotazione permette di ricaricare lo smartphone. Apple, infatti, ha deciso di non inserire il caricabatteria e quindi sarà necessario trovarne uno compatibile oppure una base di ricarica (accessorio, sul quale, iPhone sta puntando molto quest’anno).

iPhone 12 Pro

Display

Voto: 8/10

iPhone 12 Pro ha lo stesso schermo della versione precedente della serie 11 che è stato poi implementato in tutte le altre versioni di iPhone 12. Quindi essenzialmente il modello base e questa versione Pro hanno uno schermo identico ad eccezione della luminosità media leggermente più elevata sulla versione premium.

Trattandosi della stessa tecnologia dell’iPhone 12, anche qui ritroviamo l’assenza del supporto alla frequenza di aggiornamento a 120 Hz dato che il valore massimo è di 60 Hz. Questo potrebbe farsi notare su contenuti video particolarmente elaborati come film e videogiochi, ma per l’uso quotidiano non si tratta di certo di un’opzione indispensabile per quanto questa sia apparsa anche su altri top di gamma come il Samsung S20 Ultra.

Questo significa che la qualità dello schermo OLED è la stessa già apprezzata sulla versione normale: i colori del display risultano vividi e i neri sono ben bilanciati, soprattutto usando l’HDR per quei video che lo supportano. In generale, però, il display riesce a valorizzare tutti i tipi di contenuti: dalle pagine web ai film passando per singole app.

Prestazioni

Voto: 9/10

Il processore A14 Bionic è presente su tutti i nuovi modelli Apple e, al momento, è sicuramente uno dei più potenti disponibili sul mercato. Oltre a essere particolarmente veloce, questo chipset riesce anche a garantire una buona efficienza energetica con un migliore uso della batteria.

A14 è inoltre in grado di gestire le connessioni 5G e questo rappresenta una delle principali novità dell’intera serie di smartphone, incluso iPhone 12 Pro. Nei prossimi anni questo formato dovrebbe essere sempre più diffuso garantendo una trasmissione dati più veloce e solida rispetto a quella attuale. Al momento, però, la copertura è piuttosto limitata soprattutto nel nostro Paese. Ad ogni modo quando tra qualche anno sarà più diffuso, il 5G sarà pienamente supportato da iPhone 12 che è in grado di funzionare su tutti i segnali di questa connessione dati.

MagSafe è l’altra novità della serie 12 e anche sulla versione Pro permette una ricarica wireless migliorata soprattutto con la base prodotta da Apple che è in grado di supportare una potenza sino a 15 W. Ad ogni modo, lo smartphone è compatibile anche con altri accessori di terze parti a patto che rispettino lo standard IQ.

Nei prossimi mesi, però, potremo vedere molte altre possibili applicazioni di questa tecnologia. I magneti che si trovano infatti sul retro del telefono non solo permettono una migliore ricarica wireless ma possono essere utilizzati in molti altri modi e quindi vedremo probabilmente un supporto per auto o power bank che si applicano semplicemente dietro al telefono, senza doverli connettere alla porta Lightning.

iPhone 12 Pro

Fotocamera

Voto: 9/10

Passando al comparto fotocamere qui iniziano a emergere le prime sostanziali differenze con la versione base della serie. Se iPhone 12 può contare su due sensori, la versione Pro aggiunge a quello grandangolare e ultra-grandagolare anche un teleobiettivo, tutti e tre da 12 MP. L’altro miglioramento è rappresentato dallo zoom ottico che può raggiungere i 4x a differenza del 2x della versione base.

La serie Pro, inoltre, presenta un altro sensore: si tratta del cosidetto LiDAR scanner che permette a iPhone 12 Pro di rilevare il tipo di ambiente in cui ci si trova e anche i visi delle persone in modo da permettere un autofocus più veloce rispetto a quello offerto per esempio da iPhone 12.

Come visto su iPhone 12, anche qui è stata implementata la modalità Notte su tutte le fotocamere presenti nello smartphone. Questo filtro, che richiede un utilizzo attento del telefono tenendolo fermo per qualche secondo, si è dimostrato essere una delle principali novità della serie e la sua resa sembra essere sorprendente realizzando scatti, anche in condizioni di assoluta oscurità, abbastanza nitidi e intellegibili. Il fatto che poi questo filtro possa essere applicato anche al sensore teleobiettivo rende iPhone 12 Pro ancora più interessante dal punto di vista della fotografia.

Questo vale anche per la fotocamera frontale che, come tutti gli altri sensori, può trarre vantaggi dalla modalità Notte e da altri filtri come Deep Fusion e Smart HDR 3 che garantiscono una migliore elaborazione delle immagini.

Un altro vantaggio offerto dalla fotocamera Pro rispetto ad iPhone 12 è che le registrazioni video possono raggiungere anche i 60 fps con la risoluzione 4K. Si tratta di un passo in avanti non da poco dato che questa opzione è decisamente appetibile per chi realizza video di professione anche se in termini di un uso professionale il Pro Max è ancora più indicato.

Chi è appassionato di fotocamere conosce l’uso dei file RAW: si tratta delle versioni grezze e senza compressione degli scatti, il che significa che occuperanno più spazio di archiviazione rispetto, ad esempio, al formato JPEG.

Apple intende introdurre da qui ai prossimi mesi l’opzione ProRAW che rappresenta una versione leggermente migliorata di un file grezzo ma che può essere modificata con la stessa flessibilità.

iPhone 12 Pro

Autonomia

Voto: 8/10

Con un utilizzo nel complesso limitato a navigare su web, a giocare o ad ascoltare musica, iPhone 12 Pro è in grado di arrivare a fine giornata con circa il 50% della batteria.

Con un uso un po’ più intenso, invece, sarà necessario già mettere sotto carica lo smartphone a fine giornata. Queste prestazioni, però, sono destinate a essere decisamente più ridotte in caso di utilizzo del 5G, che richiede comunque più risorse. Ad ogni modo, l’autonomia del iPhone 12 Pro, come già dimostrato dal modello base, sembra essere leggermente inferiore alle incredibili prestazioni viste sulla serie 11.

In termini di autonomia bisogna ricordare che iPhone 12 Pro, come tutti i modelli di questa serie, arriva senza un caricabatteria. Nella confezione, però, è incluso il cavo Lightning per ricaricare lo smartphone collegandolo a un PC. Va comunque sottolineato che questo modello non è compatibile con i precedenti caricabatteria che supportavano lo standard USB-A. A meno che non avete un cavo adatto a questo tipo di accessorio, per far funzionare quello contenuto nella confezione sarà necessario acquistare un nuovo caricabatteria.

Conclusioni

Voto: 9/10

iPhone 12 Pro propone in una versione premium tutte le principali caratteristiche già viste sul modello base. Il display OLED è lo stesso da 6,1 pollici con una resa video ottima sia con i contenuti standard che con la modalità HDR attivata. L’autonomia, inoltre, non è tanto diversa da quella vista sul modello base ma sembra non raggiungere i livelli di quella vista su iPhone 11 Pro. Chi sta valutando di passare all’iPhone 12 Pro deve comunque tenere in considerazione che la differenza principale tra questo e il modello base sta nei materiali e nei colori che conferiscono un aspetto ancora più elegante e nella fotocamera. iPhone 12 Pro, infatti, propone un sensore teleobiettivo e uno scanner che consente di ottimizzare la velocità della messa a fuoco. Per il resto, caratteristiche come il 5G e la tecnologia MagSafe per la ricarica wireless sono presenti anche qui con tutti i vantaggi offerti dalla nuova serie Apple.

Luca Salerno
Luca Salerno

Da circa 17 anni mi occupo di giornalismo ed editoria, mentre ad ancora prima risale la mia passione per la tecnologia iniziata nei lontani anni ‘80 con un Commodore 64. Questi due interessi sono stati sempre una costante nella mia vita e ritengo che riuscire a conciliarli nella mia attività professionale sia un vero privilegio.

La mia formazione universitaria in Scienze...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

iPhone 12 MagSafe
Tech 18 novembre 2020

iPhone 12: Apple studia una custodia MagSafe per migliorare le prestazioni

L’interfaccia MagSafe, che sfrutta dei magneti sul retro dello smartphone, è sicuramente una delle principali novità di iPhone 12 e di tutti gli altri modelli della nuova gamma di smartphone Apple. Al

Apple iPhone 12
Tech 4 novembre 2020

iPhone 12 Mini: la ricarica wireless con MagSafe sarebbe diversa dagli altri modelli

Una delle caratteristiche principali di iPhone 12 Mini e dell'intera gamma di nuovi smartphone Apple è quella della ricarica wireless veloce che gli utenti hanno già avuto modo di provare sia sulla

s20fe_vs_iphone12
Tech 29 ottobre 2020

iPhone 12 vs Samsung Galaxy S20 FE: il confronto

Il confronto iPhone 12 vs Samsung Galaxy S20 FE  non riguarda semplicemente due smartphone: significa dover preferire un ecosistema digitale all'altro. Se c'è uno dei produttori principali di smartphone con sistema operativo Google che è