Lifestyle 17 gennaio 2021

Giornata Mondiale della Pizza: i migliori fornetti per prepararla in casa

giornata mondiale della pizza

Di giornate mondiali ce ne sono tantissime, ma una delle più golose è sicuramente quella dedicata alla pizza, che si celebra in tutto il mondo il 17 gennaio. La pizza non è altro che un impasto a base di farina, acqua e lievito, insaporito con ingredienti di ogni genere e cotto in forno (preferibilmente a legna, ma non solo, come vederemo in commercio ci sono ottimi fornetti per la pizza preparata in casa), ma tanta semplicità ha saputo conquistare il mondo intero: c’è chi gli ha dedicato canzoni, poesie, film e naturalmente ci sono stati chef di alto livello che hanno voluto dare la loro versione di pizza gourmet, preparata con ingredienti deluxe. Un piatto veloce, economico e gustosissimo, che piace proprio a tutti.

Approfittiamo della Giornata Mondiale della Pizza per ripercorrere la storia della ricetta italiana più amata nel mondo, scopriamo qualche curiosità e alcuni trucchi per prepararla anche a casa a regola d’arte.

Perché il 17 gennaio per festeggiare la pizza?

La data del 17 gennaio non è stata scelta a caso: proprio in questo giorno si celebra infatti Sant’Antonio Abate, protettore di fornai e pizzaioli. Secondo un’antichissima leggenda, sembra che Sant’Antonio sia sceso negli inferi insieme al suo maialino per rubare il fuoco e regalarlo agli uomini. I demoni però non riservarono una bella accoglienza al Santo e gli rubarono il suo bastone: il maialino allora cominciò a fare un gran baccano e Sant’Antonio disse ai demoni che, se volevano che il maialino smettesse, avrebbero dovuto rendergli il bastone. Quando questo accadde, il maialino si tranquillizzò. Quello che i demoni non sapevano è che non era un bastone qualunque ma un bastone di ferula dal midollo spugnoso: incorporata una scintilla al suo interno, avrebbe continuato ad ardere anche se dall’esterno non si vede niente. E fu così che Sant’Antonio portò il fuoco agli uomini.

In passato, le famiglie di fornai e pizzaioli fermavano le produzioni il 17 gennaio e si riunivano tutti insieme intorno ad un grande fuoco di ringraziamento. Ancora oggi in tutta Italia si celebrano riti di questo genere, bruciando grandi falò che ardono per tutta la notte. Senza contare che in questo stesso giorno, nel 2017 l’arte del pizzaiolo napoletano è stata dichiarata patrimonio immateriale dell’umanità dell’UNESCO: un grande riconoscimento per uno dei prodotti alimentari più famosi e amati della tradizione italiana.

Come nasce la pizza

Come tutte le leggende, anche la storia delle origini della pizza è alquanto dibattuta. Dobbiamo risalire agli antichi Egizi, Greci e Romani per trovare le prime focacce schiacciate che potremmo considerare i primi esperimenti di pizza. Le prima tracce della parola “pizza” (che potrebbe risalire alla parola greca “pitta” ovvero “infornata”) risalgono al 997, nei pressi di Gaeta. Nel bacino Mediterraneo si diffuse così un piatto povero a base di un impasto di farina e acqua, condito con strutto, formaggio e basilico, a volte anche scarti di pesce. Dobbiamo aspettare il Seicento e spostarci a Napoli per trovare le prime pizze come le intendiamo oggi: le prime pizze erano condite con lardo, cigoli, formaggio di pecora, pepe e basilico oppure si trovava la pizza alla cecinelli, condita con i bianchetti (dei piccoli pesciolini).

La nascita della pizza più famosa di sempre, la Margherita, risale al 1889: in quell’anno il cuoco napoletano Raffaele Esposito creò una pizza con pomodoro, mozzarella e basilico, gli stessi colori della bandiera italiana in onore della Regina Margherita. E non è un caso che ancora oggi, nonostante le innumerevoli rivisitazioni gourmet a base di ingredienti pregiati, la pizza margherita sia la più amata dagli italiani. Nello stesso periodo comparvero le prime pizzerie, mentre prima la pizza era venduta esclusivamente nelle bancherelle ambulanti.

La pizza a casa? Si può fare!

Preparare la pizza fatta in casa è diventata una piacevole abitudine per tanti italiani. Dal lockdown in poi, andare a mangiare una pizza è diventato quasi un lusso e ancora oggi non abbiamo la possibilità di sederci in pizzeria con completa serenità quindi perché non provare a preparare la pizza in casa? Utilizzando le farine giuste e gli strumenti adatti, è possibile sfornare delle pizze prelibate: in questo articolo vi abbiamo svelato i consigli del Maestro Bonci per preparare la pizza a casa.

Se siete alle prime armi, oltre a scegliere gli ingredienti giusti e seguire le indicazioni dei professionisti, è un’ottima idea utilizzare un fornetto per la pizza perché sono elettrodomestici davvero semplicissimi da utilizzare e permettono di ottenere risultati ottimi.

fornetto pizza ferrari G3 Delizia

fornetto pizza h Koenig TRT180

Fornetto pizza clatronic Pizza Oven

fornetto pizza DCG Eltronic Pizza Maker

fornetto pizza ariete 0909

Irene Bicchielli
Irene Bicchielli

Nata nel 1988 a Firenze, dove vive ancora oggi, ha da sempre uno smisurato amore per le parole. Ha imparato a leggere e a scrivere prima delle scuole elementari e da allora non ha più smesso: lettrice seriale con un'originale passione per i romanzi storici, ha frequentato il liceo classico e poi si è laureata in Scienze Politiche per diventare...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

pulizie low cost
Lifestyle 4 maggio 2021

Pulizie in casa con elettrodomestici low cost: ecco cosa vi serve

Le pulizie di primavera, ma anche le pulizie ordinarie, sono indispensabili ma nessuno si diverte a farle! Dai tempi dello straccio passato manualmente su tutti i pavimenti, è passato molto tempo e

elettrodomestici_colorati
Lifestyle 21 marzo 2021

Elettrodomestici colorati per portare la primavera in cucina

I colori fanno parte della nostra vita: parlano di noi, trasmettono sensazioni, emozioni, creano un’atmosfera e influenzano gli stati d’animo. Anche quando scegliamo l’abbinamento dei colori dei vestiti che indosseremo stiamo comunicando qualcosa

i migliori spremiagrumi
Lifestyle 16 febbraio 2021

I migliori spremiagrumi elettrici per un inverno pieno di vitamine

Avere uno spremiagrumi elettrico a casa è sicuramente molto utile perché permette di preparare spremute in poco tempo e con il minimo sforzo. Inoltre, si evitano gli sprechi perché gli agrumi vengono