Tech 30 novembre 2019

Recensione Apple AirPods Pro

Airpods Pro

Apple, con le AirPods, non solo ha presentato un prodotto innovativo, ma ha anche creato un nuovo segmento di mercato diventato sin da subito appetibile per altri produttori di gadget elettronici. Con le AirPods Pro la casa di Cupertino punta ad alzare ulteriormente l’asticella creando un nuovo standard di riferimento nel mondo delle cuffie true wireless, sia per chi possiede un iPhone o un qualsiasi altro dispositivo Apple, sia per chi possiede device di altri brand.

Tutto è cambiato: l’iconico design della prima versione lascia spazio al più comune in-ear a cui si aggiunge inoltre la funzione di riduzione attiva del rumore. Si alza però anche il prezzo: rispetto ai circa 130 euro necessari oggi (30 novembre 2019) per acquistare la seconda versione delle AirPods, si passa a circa 260 euro.

Vale la pena dunque investire di più per le AirPods Pro oppure è meglio acquistare la versione standard?

Abbiamo testato nella quotidianità le AirPods Pro per oltre due settimane, ecco le nostre impressioni.

Design

Voto: 8,5/10

Partiamo proprio dal design, caratteristica cruciale per un auricolare dotato di riduzione attiva del rumore. Il cambio di stile rispetto ai normali AirPods è notevole: la struttura del corpo è più spessa ma soprattutto l’asta è sensibilmente più corta. Apple ha lavorato sui gommini in silicone per creare sì delle cuffie in-ear, ma che potessero comunque garantire lo stesso comfort offerto dalle tradizionali AirPods. Una scelta vincente, perchè questa struttura ha un’ergonomia adatta a consentire l’utilizzo degli auricolari per diverse ore senza fastidi.

I controlli non sono touch, ma l’azienda ha implementato dei tasti all’interno dello stelo. Nella confezione sono presenti tre paia di gommini di diversa taglia e la custodia, compatibile con la ricarica wireless, è più grande rispetto a quella delle prime AirPods.

Custodia Airpods

La custodia è stata leggermente ridisegnata rispetto alle AirPods.

 

Sensori e connettività

Voto: 9/10

Le AirPods Pro sono dotate di Bluetooth 5.0. Su entrambi gli auricolari sono visibili dei piccoli inserti neri: nascondono dei sensori che rilevano il momento in cui le cuffie vengono indossate o estratte, in modo da poter, ad esempio, mettere in pausa la riproduzione. Un microfono apposito è inoltre dedicato all’attivazione dell’assistente vocale tramite il comando “Hey Siri”.

Sensori AirPods Pro

Nella parte nera ci sono i sensori che riconoscono alcuni movimenti.

ANC: come funziona?

Voto: 8,5/10

L’ANC (Active Noise Cancelling) può essere impostato su tre livelli:

Si tratta delle stesse modalità di uso disponibili in tante altre cuffie dotate di questa funzione, come per esempio le Bose QC 35 II o le Sony WH-1000XM2.

Airpods pro

Il funzionamento è molto buono, possiamo affermare che tra gli auricolari dotati di questa modalità, le AirPods Pro sono quelle che offrono la migliore esperienza d’uso ed efficacia per quanto riguarda la riduzione attiva del rumore.

Qualità audio

Voto: 8,5/10

La qualità audio, invece, non si discosta di molto rispetto dagli altri auricolari appartenenti alla stessa fascia, come ad esempio le Sennheiser Momentum True Wireless. L’esperienza d’ascolto risulta tutto sommato migliore rispetto a quella degli AirPods, con bassi più accentuati e in generale migliore scena sonora. Peccano leggermente le frequenze più alte, nelle quali a volume alto si nota un po’ di distorsione.

Autonomia

Voto: 7,5/10

Con una singola carica gli auricolari garantiscono un’autonomia di circa 4 ore, che si riducono a 3 se si usano per effettuare chiamate. Disabilitando l’ANC, invece, si riescono a raggiungere le 5 ore di autonomia. La custodia dona invece altre 25 ore di autonomia, consentendo dunque di ricaricare le AirPods Pro per altre 5 volte.

Utilizzo

Voto: 8,5/10

Come buona parte degli auricolari in-ear, bisognerà spendere il giusto tempo per trovare il gommino più adatto alle proprie orecchie, non escludendo di dover usare due gommini di taglia diversa per ciascun auricolare. Il nostro corpo è infatti asimmetrico e può capitare di avere un orecchio leggermente più grande rispetto all’altro.

L’esperienza d’uso può dunque variare molto a seconda della persona. Noi abbiamo trovato molto comodo lo stelo, che consente di avere una migliore presa durante le fasi di estrazione e inserimento degli auricolari nell’orecchio.

Parte interna Airpods Pro

I gommini in silicone garantiscono una buona ergonomia.

Il vero vantaggio di usare questi auricolari con dispositivi Apple come l’iPhone 11 o un MacBook Pro, consiste nella possibilità di utilizzare tutte le funzioni tramite l’apposito software di gestione. Si potrà dunque non solo regolarne il volume, ma anche verificarne l’autonomia residua, la riduzione attiva del rumore e tanto altro. Riduzione del rumore che, come detto, funziona molto bene. Non aspettatevi comunque una riduzione totale, soprattutto in luoghi pubblici: tale tecnologia rende al meglio con rumori costanti, come quello di una carlinga di un aereo o di un treno in movimento.

Rimangono un po’ inadatte per l’uso sportivo, in quanto tendono comunque a scivolare per la mancanza di un apposito archetto che le assicuri all’orecchio durante le fasi più intense.

Conclusioni

Voto: 8,5/10

Le AirPods Pro non vanno a sostituire le AirPods, ma si affiancano ad esse offrendo un’alternativa di fascia più alta e un prodotto sostanzialmente diverso. Di pari livello è l’ottima ergonomia d’uso, grazie anche all’eccellente integrazione con i sistemi operativi MacOS, iOS e iPadOS.

La cancellazione del rumore è sicuramente utile, ma la consigliamo specialmente a chi, per svago o per lavoro, si trova spesso a usare mezzi come treni o aerei. Nell’uso quotidiano non rappresenta invece un fattore che fa la differenza, soprattutto se usata per strada o in luoghi molto frequentati. In tal caso le AirPods di seconda generazione rappresentano una migliore alternativa soprattutto grazie ai comandi touch.

Infine, capitolo prezzi: 260 euro circa (al 30 novembre 2019) per un paio di auricolari sono tanti, sebbene siano in parte ripagati dalla tecnologia e dal comfort superiore rispetto a buona parte delle concorrenti.

Vittorio Pipia
Vittorio Pipia

Nato nel 1992 ho sempre avuto una grande passione per i motori e per la tecnologia, passioni che ho poi sempre coltivato fino a farle diventare parte del mio lavoro. Da circa 4 anni provo, analizzo diversi prodotti delle più svariate categorie, dall’intrattenimento audio-visivo fino agli elettrodomestici passando per la domotica. Analisi che condivido poi online in diversi modi, con...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

gadget del decennio
Tech 18 gennaio 2020

Le migliori innovazioni tecnologiche degli ultimi dieci anni

Gli anni ‘10 del 2000 si sono appena conclusi, ed è un buon momento per guardarsi indietro e cercare di comprendere quali siano le innovazioni tecnologiche presentate nell'ultimo decennio che valga la

Apple Airpods Pro
Tech 31 ottobre 2019

Apple AirPods Pro: l’anteprima

I nuovi Apple AirPods Pro, presentati qualche giorno fa, sono i nuovi auricolari true wireless della mela morsicata. Un aggiornamento che porta con sé novità molto attese, come una migliore vestibilità e

Apple AirPods Pro
Tech 31 ottobre 2019

Apple AirPods Pro: i nuovi auricolari true wireless con riduzione del rumore

Qualche giorno fa Apple ha presentato ufficialmente i nuovi auricolari AirPods Pro. Si tratta della terza generazione di AirPods, o per meglio dire la seconda considerando che l'aggiornamento AirPods 2019 seconda generazione