Tech 25 febbraio 2021

Recensione Insta360 One R: perfetta rivale di GoPro Hero 9 Black?

Insta360 copertina

Insta360 One R è un’action cam di Insta360 che porta all’estremo il concetto di modularità. È infatti composta da vari componenti che si possono cambiare, sostituire o montare in un verso o nell’altro a seconda delle proprie esigenze.

È dunque l’utente a decidere se avere un display frontale, se avere un sensore o una batteria più grande, un’action cam più leggera o per fare video a 360 gradi. Un concetto quasi estremo che però l’azienda ha reso facile e intuitivo anche per i meno avvezzi alla tecnologia.

Un approccio che permette a One R di essere un po’ tutto ma a discapito di un prezzo di acquisto un po’ più elevato rispetto a quanto siamo abituati a vedere. Molto dipende dal pacchetto scelto. Per esempio, il pacchetto Twin Edition con modulo grandangolo e modulo 360, ha un prezzo di listino di 509,99 euro.

Bundle disponibili e prezzi

Nel nostro test abbiamo usato il pacchetto che più consigliamo, ovvero quello che include la batteria, il case, il modulo display, il modulo fotografico per riprese fino a risoluzione 4K 60fps e il modulo che consente di effettuare riprese a 360 gradi. Insta360 offre però diversi altri abbinamenti a seconda delle esigenze.

Insta360 One R

Insta360 One R Twin Edition si compone di due moduli fotografici.

Il pacchetto base include solamente il modulo display, batteria e modulo grandangolo standard (Edizione 4K), mentre quello più completo (Edizione Trio), oltre a vari accessori integra un terzo modulo che al suo interno dispone di un sensore da un pollice (come quello che si trova in mirrorless professionali come la Sony ZV-1), con un prezzo di 817 euro.

Ovviamente è anche possibile per l’utente andare a creare e configurare il pacchetto da acquistare, con prezzi variabili a seconda delle opzioni scelte.

Com’è fatta e come funziona Insta360 One R?

La Insta360 One R porta per la prima volta sul mercato action cam il concetto di modularità. Ciò significa che non abbiamo un dispositivo fatto e finito, ma che possiamo smontare e rimontare i vari moduli a seconda di ciò di cui abbiamo bisogno in un determinato momento. Ogni elemento, infatti, ha degli agganci che consentono un veloce sgancio e rimontaggio. Tutto risulta molto solido ma anche intuitivo da usare.

In questo modo se per esempio dobbiamo effettuare riprese frontali, possiamo ruotare il display, oppure scegliere addirittura una batteria più grande nel momento in cui dobbiamo registrare per lunghi periodi di tempo.

Insta360 One R

Ecco il confronto dimensionale tra Insta360 One R, DJI Osmo Action e Hero 9 Black.

Una volta assemblati tra di loro i vari elementi si ottiene anche l’impermeabilità fino a una profondità di 10 metri senza alcun case. Per montare l’action cam così composta su un supporto è necessario usare la gabbia fornita in confezione. Si ottiene dunque un peso di 158 grammi, di poco inferiore rispetto alla recente GoPro Hero 9 Black.

I pulsanti sono posizionati nella parte alta: il primo permette di accendere la fotocamera, il secondo di scattare foto o registrare video. Risultano un po’ scomodi da raggiungere soprattutto se si usano guanti o mentre la fotocamera è montata su un casco.

Per selezionare le varie modalità si agisce invece tramite il display di tipo touch. L’interazione è ok, anche se in alcuni frangenti il poco spazio costringe a ripetere il tocco o a verificare più volte di aver selezionato le opzioni corrette.

Applicazione per smartphone e programma fanno la differenza

Per usare davvero tutte le funzioni della Insta360 One R è necessario scaricare l’applicazione Insta360 sul proprio smartphone. In questo frangente prima dell’acquisto consigliamo di verificare che il cellulare a disposizione abbia sufficiente potenza per poter gestire video e foto catturate. Il Samsung Galaxy A41, per esempio, non ha un processore all’altezza della situazione e si potrebbero riscontrare lag e malfunzionamenti. Nessun problema invece per i più recenti top di gamma, come iPhone 12 Pro, Samsung S21+ o OnePlus 8.

Applicazione

L’applicazione si rivela importantissima per chi vuole creare particolari per stupire.

L’applicazione di Insta360 diventa dunque un elemento fondamentale nell’utilizzo della action cam. È un vero e proprio centro multimediale quasi indispensabile per sfruttare appieno tutte le funzioni della OneR. Non solo è possibile avere un’anteprima di ciò che viene inquadrato ma si possono creare effetti cinematografici e speciali in un batter d’occhio.

Ci sono infatti diversi tutorial che guidano l’utente passo per passo in modo da posizionare correttamente la action cam e seguire le istruzioni per la creazione di un determinato video.

Il programma di editing, disponibile per PC e Mac, fa la stessa cosa ma consente di avere un’interfaccia un po’ più comoda. Quando si effettuano riprese a 360 gradi è possibile gestire l’inquadratura in maniera molto flessibile e manuale, oppure fare affidamento sul riconoscimento di persone e oggetti in maniera automatica.

Software

Il software permette di elaborare le riprese e applicare diversi effetti.

Si può inoltre decidere di attivare o meno la stabilizzazione FlowState, che elimina tutte le vibrazioni e il micromosso donando filmati molto piacevoli da vedere.

Qualità video e foto

La qualità video dipende ovviamente dal modulo utilizzato. Il modulo 4K consente di ottenere riprese molto nitide a patto di avere un’illuminazione ben bilanciata. Abbiamo notato che in alcuni frangenti le zone più luminose tendono a perdere un po’ di dettaglio in quanto il sensore predilige esporre correttamente le zone più vicine.

Il modulo a 360 gradi è senza ombra di dubbio quello più divertente. Non solo permette un montaggio molto più veloce ma libera la creatività di chi registra in fase di post-produzione. Registrare a 360 gradi permette infatti di gestire l’inquadratura come meglio si crede. In questo modo si possono dunque riprendere tutti gli amici mentre si scia, oppure far vedere il sorpasso tra i veicoli mentre giriamo in pista. Ma si possono ottenere anche tanti altri effetti per cui non sarebbe sufficiente un intero articolo dedicato.

Cattura video

La qualità video e foto è molto buona sia con l’obiettivo stock che con quello a 360 gradi.

Come opzione ci sarebbe anche il modulo con sensore da un pollice. In questo caso la qualità della ripresa è eccezionale e soprattutto fa la differenza in ambienti poco illuminati. Certo aggiunge molto peso e potrebbe risultare difficile da gestire se per esempio si pensa di montarla su un casco o su una pettorina.

Per quanto riguarda le foto rimane la tendenza a sovraesporre le zone molto luminose, ma nel complesso si ottiene un’ottima qualità. C’è anche la possibilità di scattare in modalità RAW in modo da avere più margine in fase di editing.

Autonomia

La batteria inclusa offre circa un’ora di registrazione, ma molto dipende dalle modalità utilizzate, dall’uso del cellulare e anche dal modulo. Il modulo 360 gradi è più esoso in termini energetici, mentre quello più parco nei consumi è il 4K.

Ovviamente se si usano le modalità time-lapse, hyper-lapse o slow-motion la batteria durerà un po’ di meno. Chi volesse può comunque acquistare il modulo batteria aggiuntivo con capacità superiore di 500mAh rispetto a quella originale. Tale batteria integra anche un supporto integrato, ma fa perdere l’impermeabilità.

Conclusioni

Voto: 8,5

La Insta360 One R è sicuramente unica nel suo segmento. A seconda del pacchetto scelto può infatti essere un’actioncam, una vlog cam, una compatta, una fotocamera a 360 gradi. Un insieme di possibilità attualmente impossibili da trovare su altri dispositivi simili.

La flessibilità d’uso offerta è davvero disarmante e soprattutto sorprende la facilità di interazione grazie all’applicazione, che consente di ottenere tanto brio in più e donare dinamismo alle proprie riprese in modo da rendere il video molto più dinamico da guardare.

Tuttavia, chi vuole maggiore immediatezza potrebbe non trovare la soluzione modulare come ottimale, per cui il consiglio è quello di valutare per bene il proprio utilizzo. Se si pensa di usare tutti i moduli, allora l’acquisto della One R è sicuramente consigliato. Se per esempio intendete usare solamente il modulo 360, consigliamo invece di puntare a un dispositivo dedicato, come per esempio l’ottima One X2 sempre di Insta360.

Vittorio Pipia
Vittorio Pipia

Nato nel 1992 ho sempre avuto una grande passione per i motori e per la tecnologia, passioni che ho poi sempre coltivato fino a farle diventare parte del mio lavoro. Da circa 6 anni provo, analizzo diversi prodotti delle più svariate categorie, dall’intrattenimento audio-visivo fino agli elettrodomestici passando per la domotica. Analisi che condivido poi online in diversi modi, con...Leggi tutto

Scrivi un commento

Altri articoli che potrebbero interessarti

DJI Pocket 2
Tech 2 febbraio 2021

Video recensione DJI Pocket 2: il cinema in tasca in 4K

Fare video e foto in mobilità è diventata un’abitudine per molti. L’avvento degli smartphone ha permesso a tutti di avere una fotocamera nelle proprie tasche e con il passare degli anni la

Le migliori action cam
Tech 25 luglio 2020

Le migliori Action Cam del 2020

Il mercato delle action cam è sicuramente tra i più interessanti durante la stagione estiva. Milioni di persone si mobilitano per viaggiare, scoprire nuovi posti, fare nuove avventure da ricordare e da

Nuove GoPro
Tech 2 ottobre 2019

GoPro Hero 8 Black e Max ufficiali

I rumors erano trapelati qualche settimana fa ma le nuove GoPro Hero 8 e Max sono state ufficializzate con diverse novità, maggiore resistenza e miglioramento delle riprese soprattutto in notturna.  Ma vediamo